Un’autocisterna piena di carburante si è scontrata contro un camion nella zona industriale di Freetown, la capitale della Sierra Leone. Nell’incidente, stando a quanto riportato dalle autorità locali, sono morte almeno 92 persone. Oltre all’esplosione, alcuni cittadini, soprattutto ambulanti e motociclisti, avrebbero perso la vita nel tentativo di recuperare il carburante fuoriuscito dall’autocisterna. Ci sono anche un centinaio di feriti e ustionati, molti dei quali in gravi condizioni. “Raramente abbiamo visto una cosa simile. Da quando sono in Sierra Leone, è la peggiore mass casualty che abbia visto nel Paese”, racconta Samuele Greco, il Medical Coordinator di Emergency a Goderich. “Abbiamo ricevuto 29 feriti. 21 li abbiamo ricoverati, altri 5 – meno gravi – li abbiamo curati in Pronto soccorso. Tre sono stati riferiti ad altri ospedali – prosegue. Avevano ustioni ovunque, alcuni anche al 95%. Due di loro purtroppo non ce l’hanno fatta, uno era un bambino di 11 anni. È stato difficile anche per noi, molti pazienti erano davvero in bruttissime condizioni. Abbiamo lavorato tutta la notte e ancora adesso le sale operatorie sono al lavoro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Slovenia, pochi vaccini e contagi in aumento: si va verso lockdown di 10 giorni o, in alternativa, nuove severe restrizioni

next
Articolo Successivo

Stagione sciistica, in Francia obbligatoria la mascherina in coda per gli skilift. Il Green pass sarà introdotto se sale l’incidenza

next