Arriva l’ok dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) alla somministrazione della terza dose del vaccino Spikevax (Moderna) ai maggiorenni. La decisione della Commissione Tecnico Scientifica dell’agenzia ha stabilito che il farmaco possa essere somministrato ad almeno sei mesi di distanza dalla seconda inoculazione che aveva completato il ciclo di vaccinazione. “Preso atto della decisione di Ema (l’Agenzia europea dei farmaci), la Cts stabilisce di rendere disponibile la dose booster del vaccino Spikevax, a distanza di almeno sei mesi dalla seconda dose, in soggetti di età pari o superiore ai 18 anni“, si legge infatti nel comunicato della Commissione che ribadisce: “L’opportunità di una dose booster con il vaccino Spikevax (Moderna) dovrebbe essere offerta in via prioritaria a immunodepressi, trapiantati, iperfragili, over-80, residenti delle Rsa e personale sanitario” come già stabilito per la dose booster di Pfizer.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Università, sì definitivo della Camera alle lauree abilitanti: per accedere ad alcune professioni non servirà più l’esame di Stato

next
Articolo Successivo

“Non solo Sara Pedri, all’Azienda sanitaria di Trento un altro caso di mobbing su una dipendente”: l’interrogazione all’assessore

next