Sinistra Italiana lancia una petizione a sostegno della proposta di legge per l’introduzione di una tassa patrimoniale sulle grandi ricchezze. Il documento contempla un prelievo dello 0,2% su patrimoni tra i 500mila e il milione di euro. Si sale poi gradualmente fino al 2% per le ricchezze superiori ai 50 milioni. Per contro verrebbero eliminate tutte le imposte patrimoniali attualmente in vigore come l’Imu sulla seconda casa e il bollo su conti correnti e dossier titoli. Secondo calcoli approssimativi per la prime fasce, soprattutto per chi è in possesso di una seconda abitazione, la riforma comporterebbe un risparmio o un saldo nullo. Nel progetto di legge si ricorda come in Italia l’1% più benestante della popolazione possieda il 25% della ricchezza mentre al 60% meno agiato appartenga appena il 10% della ricchezza complessiva.

La proposta arriva mente il Senato statunitense inizia a discutere l’ipotesi di un prelievo di quasi il 24% in cinque anni sui profitti da investimenti finanziaridei circa 700 miliardari del paese. Lo scorso Ilfattoquotidiano.it ha lanciato una raccolta firme a sostegno di un prelievo del 2% sui grandissimi patrimoni (oltre 50 milioni di euro) che ha sinora registrato 78mila sottoscrizioni.

Articolo Precedente

Negli Usa proposta di legge per tassare le plusvalenze non realizzate di 700 miliardari. Elon Musk: “Misura inutile, ridurre spesa”

next
Articolo Successivo

Che rapporto c’è tra il calcio e la blockchain? Rischi e opportunità per gli investitori tifosi

next