Dopo le minacce ricevute su una chat Telegram di No Green pass verso il sindaco di Milano, il comitato per l’ordine e la sicurezza presieduto dal prefetto Riccardo Saccone questa mattina ha deciso l’innalzamento della vigilanza attiva per Giuseppe Sala. La vigilanza era già prevista ma ora sarà più capillare, con passaggi delle pattuglie davanti alla sua abitazione e attenzione particolare agli eventi a cui parteciperà.

Durante il comitato si è parlato anche delle manifestazioni previste per sabato, non solo l’ormai usuale corteo con ritrovo in piazza Fontana dei no green pass ma anche la manifestazione (statica) alle 15 in piazza Duomo ‘No paura day – Primum non nuocere’ dove interverrà anche il portavoce dei portuali di Trieste Stefano Puzzer. La decisione è stata quella di procedere come nei sabati precedenti. “Da alcune ore su Telegram si è scatenato il mondo dei no Green pass, ci sono i miei numeri di telefono, la mia email, si parla di decapitazione”, aveva detto il primo cittadino da poco rieletto in un video sui canali social. Gli investigatori della Digos e della Polizia postale, coordinati dal capo del pool antiterrorismo milanese, il pm Alberto Nobili, stanno indagando: le conversazioni sono apparse sul gruppo Telegram “Basta dittatura!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Ddl Zan, Letta: “Da Italia Viva reazione sguaiata subito dopo il voto, questo la dice lunga. Chi reagisce così ha qualcosa da nascondere”

next