Chissà se qualcuno avrà mai il coraggio di guardare negli occhi Giovanni. Dovrebbe dirgli che non potrà più accompagnarlo nel centro dove lui trascorre da 16 anni le sue giornate.

Giovanni ha quasi 50 anni, è un uomo alto dallo sguardo dolce e dai modi gentili. Giovanni è un disabile cognitivo al 100% ed ignora totalmente quello che noi ‘normali’ facciamo. Giovanni non sa cos’è l’ignavia e non capirà mai perché di lui sembrano tutti non interessarsi mai.

Dal 1° ottobre anche il centro diurno di Napoli sembra avergli voltato le spalle quando, con una mail lapidaria, veniva comunicato a sua sorella che il trasporto da casa verso il centro sarebbe stato interrotto. Così, semplicemente, interrotto. Impedire ad un disabile di frequentare un luogo che quotidianamente lo accoglie e lo accompagna nella vita è una violenza. Certamente una violenza nascosta ma pur sempre una orribile violenza.

A nulla valgono le ripetute richieste di chiarimenti di sua sorella. Giovanni rimane a casa mentre sua sorella scopre che il diritto al trasporto non esiste. Non è un obbligo della Asl, non è un obbligo del centro o del Comune. Il trasporto di un disabile adulto non è un livello essenziale di assistenza da queste parti e quindi Giovanni può restarsene a casa, così, per sempre.

In fondo rimane un disabile, solo un disabile. O meglio, un altro disabile solo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ddl Zan, Elio Vito lascia il suo incarico in Forza Italia: “Il voto in Senato contraddice la nostra vocazione europeista e liberale”

next
Articolo Successivo

Ddl Zan, che cos’è la “tagliola” approvata al Senato e perché ha affossato la legge contro l’omotransfobia

next