“Oggi non è una pagina bella della nostra storia, perché stiamo parlando di un provvedimento contro le discriminazioni e le violenze per orientamento sessuale. Questo voto registra un passo indietro del Parlamento rispetto alla maturità del Paese”. A rivendicarlo, entrando al Palazzo dei gruppi alla Camera dei deputati, il presidente M5s Giuseppe Conte, dopo il voto sulla ‘tagliola’ in Senato che ha affossato il Ddl Zan, a scrutinio segreto.
“Purtroppo c’è anche qualcuno che non ci ha messo la faccia. Questo la dice lunga sulla sensibilità per i diritti civili”, ha poi aggiunto il presidente M5s. Con un riferimento chiaro, pur senza citarlo, anche al leader di Italia Viva, Matteo Renzi, assente in Aula e volato in Arabia Saudita dal principe saudita Bin Salman, considerato dall’intelligence americana il mandante dell’omicidio del giornalista dissidente Jamal Khashoggi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Maio: “Mi dicevano che sono gay, ma non mi sono offeso”. Poi parte il botta e risposta con Gruber

next
Articolo Successivo

No Green Pass, Sala: “Su Telegram parlano di decapitarmi. Pubblicati mail e cellulare dopo i titoli di due giornali, querelerò”. Si indaga su chat

next