I figli di Margherita Agnelli si contendono l’eredità milionaria dell’Avvocato: i quattro de Pahlen – Peter, Anna, Tatiana e Sofia – contro i fratelli Elkann. In una causa civile avviata nel 2020 a Torino, John, Lapo e Ginevra hanno chiesto la condanna per la madre “al risarcimento del danno patrimoniale, reputazionale e non patrimoniale da loro patito”. I tre nipoti sono infatti gli unici ad avere diritto ai lasciti disposti in tre testamenti – visonati dal Corriere della Sera – dei loro nonni, Gianni Agnelli (morto nel 2003) e Marella Caracciolo (deceduta nel 2019). La 65enne Margherita – figlia della coppia – reclama però 2 miliardi di euro, dei 4 dell’eredità. La battaglia sull’eredità continua ormai da anni. Una prima causa era stata individuata, sempre dal Corriere, in Svizzera. Ora si scopre che la madre aveva tentato già nel 2004 presso il Tribunale del capoluogo piemontese di far invalidare la successione prevista da Marella per tutti i beni di Agnelli. Secondo i tre figli nati da Alain Elkann la donna sta cercando di rimangiarsi gli accordi che aveva sottoscritto liberamente con la madre e grazie ai quali ha ottenuto beni, denaro e opere d’arte, per non meno di 1,2 miliardi di euro.

La figlia degli ex governatori Exor-Fiat, assistita dall’avvocato milanese Dario Trevisan, però grida al complotto e accusa i suoi consulenti dell’epoca di aver “adottato una serie di escamotage preordinati alla totale esclusione dei suoi discendenti – nati dal matrimonio del 1981 con il nobile francese, di origine russa, de Pahlen – dalla successione Caracciolo” per nasconderle il vero ammontare dei beni del padre. I tre testamenti svizzeri di Marella – del 2011, 2012 e 2014 – sono quindi non validi e presentano anche alcuni vizi di forma: il notaio e i testimoni non parlavano l’italiano e l’anziana coniuge dell’Avvocato non parlava il tedesco. Poi è sbagliata la data di nascita, le firme sono tremule e l’ultima è addirittura “irriconoscibile”. Infine Marella – secondo le testimonianze degli investigatori privati assoldati dalla figlia – ha passato più di 108 giorni in Italia, quindi la residenza e la competenza giuridica riguardo agli atti che ha redatto per la sua morte non sono di Zurigo, a causa di una norma del 1868.

La nonna nelle carte dispone solo per i tre Elkann parte rilevante della cassaforte di famiglia e le ville a Sankt Moritz: Chesa Alkyone per il 45enne John (4.299 mq di abitazione e 4.272 mq di parco), Chesa Medzi per Lapo (1.245 mq e 1.876mq) e la casa di Lauenen per Ginevra (1.107 mq). In totale il patrimonio supera i 4 miliardi di euro: sommando i 3 miliardi di valore della Fiat nel 2019, gli immobili e i 900 milioni di dollari nei conti delle società offshore alle British Virgin Islands, presso la Morgan Stanley di Zurigo. A questi si sommano dipinti preziosi e opere, al momento irrintracciabili. Nell’ultimo testamento, del 22 agosto 2014, Marella poi di fatto ha diseredato l’unica figlia, a causa delle sue intenzioni di rinunciare ai precedenti patti.

Margherita, anche se è sempre uscita perdente da tutte le cause, però non intende darsi per vinta. Maria, la quinta figlia de Pahlen per il momento è l’unica fuori dalla partita, perché in rotta con la madre per una questione sulla custodia dei figli di lei, Anastasja e Serghiey. I suoi fratelli sostengono invece la battaglia e reclamano almeno 1,1 miliardo. Se le richieste fossero accolte, l’impatto non sarebbe trascurabile sulle società di famiglia: la Dicembre e il gruppo Exor – che comprende fra le altre Stellantis e Ferrari -, anche se in teoria il controllo di John sulla holding torinese non può essere in alcun modo messo in discussione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, Bundesbank: “Carenza di materie prime, il Pil crescerà meno delle aspettative”. Cala l’indice Ifo sulla fiducia delle imprese

next
Articolo Successivo

Redditi delle famiglie, Bankitalia: “In Italia e Spagna nel 2020 sono calati nonostante aiuti statali. In Francia e Germania lieve aumento”

next