Renato Brunetta mi sembra un po’ ingeneroso nei confronti di Berlusconi. Se qualcuno teorizza che il futuro del centrodestra sia stare nell’alleanza Letta-Conte, buon viaggio“. Così, ai microfoni de “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus, il deputato di Forza Italia, Alessandro Cattaneo, commenta le parole infuocate che, in una intervista a Repubblica, il ministro della Pubblica Amministrazione Brunetta ha riservato all’asse Berlusconi-Salvini-Meloni in vista delle elezioni politiche. Collocandosi nella fronda dei ‘moderati’ di Forza Italia, assieme a Mara Carfagna e a Mariastella Gelmini, Brunetta ha accusato Matteo Salvini e Giorgia Meloni di manipolare il partito di Berlusconi verso posizioni estreme e irriconoscibili: “Ora un centrodestra unito non c’è, ha ragione Gelmini“.

Dissente Cattaneo che osserva: “Veramente Berlusconi è lo stesso che l’altro giorno era a colloquio con Angela Merkel, che non mi sembra sia leader dei sovranisti. Noi siamo rimasti europeisti quando altri del centrodestra erano contro l’Europa; siamo rimasti garantisti quando sventolare le manette portava voti; siamo rimasti sempre coerenti coi nostri valori da oltre 25 anni. Posso anche ricordare le nostre posizioni sui vaccini e sul green pass. E quindi, con buona pace di tutti, anche di qualche ministro, troveremo la quadra e rimarremo nel centrodestra“.

Riguardo alla candidatura di Silvio Berlusconi al Quirinale, Cattaneo spiega: “Ne parleremo quando saremo a ridosso della votazione. I nomi che si fanno per primi sono quelli che rischiano di essere scartati. Come ha detto Renzi, per la prima volta rispetto a quanto è accaduto nelle ultime 3 o 4 elezioni del capo dello Stato, i numeri sono molto più incerti e l’ago della bilancia, anche in virtù dei delegati che manderanno le Regioni, è più spostato verso il centrodestra o comunque più in equilibrio rispetto alle ultime volte. Però ho un po’ l’impressione che Renzi abbia detto questo per affermare che è lui l’ago della bilancia. Del resto, lo conosciamo“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Open, Renzi chiede l’immunità parlamentare. Per anni sfidò gli avversari a non avvalersene. La richiesta è al vaglio della giunta del Senato

next
Articolo Successivo

Berlusconi dice no al voto anticipato con Draghi al Quirinale: “Irresponsabile”. E dopo l’assoluzione i giudici diventano “seri e onesti”

next