Il nuovo Movimento 5 stelle di Giuseppe Conte fa un altro passo. Il presidente M5s, davanti all’assemblea congiunta dei parlamentari, ha annunciato i cinque vicepresidenti che formeranno la sua segreteria: Paola Taverna (vicepresidente vicaria), Alessandra Todde, Mario Turco, Riccardo Ricciardi e Michele Gubitosa. Un annuncio che tra i 5 stelle era atteso da settimane, che permette al Movimento di strutturarsi ulteriormente e di farlo in una fase che si preannuncia molto delicata: prima dell’elezione del presidente della Repubblica e verso le prossime elezioni politiche. L’annuncio delle nomine da parte di Conte è stato anticipato da un discorso dai toni duri sul risultato “deludente” alle elezioni amministrative: una vera propria autocritica che ha messo sotto accusa i vari malumori fatti trapelare con “agenzia di stampa” con metodi che Conte non ha esitato definire da “vecchia politica”. “Non possiamo assolverci, dobbiamo incassare questa lezione e decidere ciò che vogliamo fare, ciò che vogliamo essere e ciò che non vogliamo essere”, ha detto l’ex premier.

Ha poi rinnovato la fiducia al Partito democratico: “Siamo disponibili a continuare il confronto col Pd”. Poi però l’ex presidente del Consiglio ha puntualizzato: “Nessuno pensi che la nostra spinta innovatrice possa spegnersi o accomodarsi in una funzione ancillare o accessoria a chicchessia”. E, a proposito del sostegno al governo Draghi, ha rimarcato: “Non è un assegno in bianco. Pretendiamo chiarezza su una rassicurazione fatta dal presidente del Consiglio in Consiglio dei ministri, che il cashback ripartirà nel 2022 dopo una sospensione” e “se qualcuno nei partiti di maggioranza vuole fermare l’innovazione e strizzare l’occhio agli evasori non avrà da noi il tappeto rosso”. Il Movimento, ha sottolineato, è “generoso, il sostegno a Draghi comporta un costo politico che stiamo pagando responsabilmente e coscientemente, abbiamo preso un impegno con gli italiani, non con Draghi, per prima cosa con gli Italiani – è stato il suo ragionamento – Fin in quando l’azione di governo perseguirà questi due obiettivi”, ovvero mettere in protezione i cittadini e il Pnrr, “il nostro sostegno sarà leale e non ci interessano le variazioni del consenso, se l’obiettivo è far ripartire l’Italia e farla correre.

Di certo questo non è un sostegno che nasce cieco e non muore cieco”. Allo stesso tempo ha anche rivolto un messaggio chiaro a chi, segretario dem Enrico Letta in testa, continua a proporre un nuovo Ulivo che vada dai 5 stelle a Renzi e Calenda. Rivolgendosi proprio al leader di Azione ha detto: “Forse non ti sei accorto che nessuno di noi si è mai dichiarato disponibile ad averti come alleato“. Mentre parlando del leader di Italia viva, lo ha liquidato come “il caso limite di chi, saltellando da una comparsata tv e un rinascimento arabo” deve “accontentarsi delle percentuali dei sondaggi che stabilmente lo accreditano un punto sopra lo zero”. Quindi, per metterlo in chiaro: “Il Movimento 5 stelle non si alleerà mai con Azione di Carlo Calenda né con Italia Viva di Matteo Renzi“.

La squadra di vice – La prima notizia è chi rimane fuori dalla segreteria: la nomina era molto ambita, soprattutto da parte di chi non può aspirare a breve a nuove cariche. Non ci sono infatti né Chiara Appendino, né l’ex ministra Lucia Azzolina. La scelta del leader M5s è caduta su nomi di strettissima fiducia. Intanto la vice vicaria, che prende il posto di Conte in caso di sua assenza, è la 52enne Paola Taverna: senatrice e vicepresidente di Palazzo Madama, esponente M5s della prima ora e molto vicina ai vertici, da Beppe Grillo a Giuseppe Conte. Tra i nominati anche il 53enne Mario Turco, senatore pugliese del M5s ed ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio durante il governo Conte 2: è noto da tempo per essere una delle figure rimaste più vicine all’ex premier. Poi Alessandra Todde, 52 anni, viceministra dello Sviluppo economico ed ex sottosegretaria al Mise durante il governo giallorosso; Riccardo Ricciardi, 39enne deputato e vicecapogruppo, è considerato molto vicino a Roberto Fico; Michele Gubitosa, 42 anni, deputato eletto all’uninominale ad Avellino e negli ultimi tempi molto vicino al presidente Conte. L’ex reggente Vito Crimi sarà invece il nuovo responsabile dei dati personali del Movimento 5 stelle.

L’autocritica dopo le Comunali “deludenti” – Il discorso di Conte si è aperto con l’autoanalisi sulle elezioni amministrative: “Non possiamo assolverci, dobbiamo incassare questa lezione e decidere ciò che vogliamo fare, ciò che vogliamo essere e ciò che non vogliamo essere”, ha detto. “Al ballottaggio abbiamo vinto 12 partite sulle 18 in gara, in cui eravamo protagonisti o da soli o con altre forze politiche. Abbiamo riconfermato quattro sindaci M5S e fra pochi giorni ci saranno i ballottaggi in Sicilia”. Ma oltre le vittorie, secondo Conte, bisogna ripartire dalle tante sconfitte: “Questa tornata elettorale è stata segnata dal mancato rinnovo, da parte dei cittadini, della fiducia che in passato ci aveva consentito di amministrare città importanti come Roma e Torino. A Raggi e Appendino va il nostro ringraziamento per l’impegno riposto nel superare i tanti ostacoli che hanno dovuto affrontare”. E in questa fase, serve secondo Conte una maggiore condivisione delle responsabilità: “No alla caccia ai singoli a cui addossare il marchio dei colpevoli. Serve una grande assunzione di responsabilità collettiva”. In generale “io ci ho messo la faccia. I numeri sono testimonianze di sfiducia, segnali che non abbiamo avuto la capacità di dialogare” con i territori. Offrire “progetti percepiti come utili dagli stessi cittadini. Dobbiamo impegnarci con passione, partendo dai bisogni delle realtà territoriali”. Quindi ha aggiunto: “Non è il tempo delle lamentele del piangerci addosso, dobbiamo essere i primi a credere nella ripartenza del movimento. Noi siamo il Movimento, non abbiamo bisogno di scimmiottare i modi della vecchia politica, che vi da tanti anni l’avete combattute”. Conte ha anche rivendicato di aver girato città per città, anche là dove il Movimento è andato molto male: “Prendo su di me onore e onori e sono orgoglioso di rappresentare questa comunità. Ma anche a voi, uno per uno, chiedo di avere spalle larghe e di sobbarcarvi il peso di questa ripartenza. Molti ci vogliono vedere divisi, hanno intrapreso una danza sperando nella nostra frammentazione o dissolvimento. A costoro dobbiamo rispondere con voce ferma: rimarrete delusi”. Secondo Conte serve un ritorno alle origini: “Dobbiamo tornare sui territori, guardare negli occhi i cittadini, stabilire con loro un dialogo stretto, continuo, sincero. Questo moto deve riguardare tutti noi, possiamo e dobbiamo fare di più. Ognuno deve fare la sua parte, in modo da restituire al Movimento la sua originaria vocazione, quella brillantemente intuita da Beppe Grillo, poi corroborata dall’intervento di Gianroberto Casaleggio“.

A proposito di ritorno alle origini, Conte ha anche chiesto prudenza sulle proteste dei portuali di Trieste. “No vax e ni vax. In passato abbiamo intercettato questi voti, poi la nostra scelta di seguire la via della scienza ha fatto sì che molti compagni di viaggio ci abbiano lasciato, ma ora abbiamo fatto chiarezza. Questo non cambia la nostra capacità di ascolto delle voci fuori dal coro, di protesta, se pacifiche e non violente. Noi non esultiamo per gli idranti di Trieste”, ha proseguito l’ex premier, “il nostro motto deve essere: meno passi nei palazzi, più orecchie sul terreno per ascoltare”.

Il messaggio a Calenda e Renzi – Molto importante e molto attesa era anche la presa di posizione sugli annunci di nuovo Ulivo che sono arrivati in questi giorni dal fronte del Partito democratico: l’offerta è concreta e lo stesso Letta l’ha rilanciata più volte dopo il risultato delle amministrative. Ma Conte ha voluto mettere in chiaro, davanti ai suoi, che il M5s non si alleerà né con Calenda né con Renzi: “Leggo che il leader di Azione non ci vuole come alleati – perché ridete? – ripete questo mantra per convincere se stesso che è giusto così, ma noi lo solleviamo dal dilemma e gli diciamo: non ti sforzare, forse non ti sei accorto che nessuno di noi si è mai dichiarato disponibile ad averti come alleato. Il Movimento 5 stelle non si alleerà mai con Azione di Carlo Calenda né con Italia Viva di Matteo Renzi. Il leader di Azione non ci vuole come suo alleato: non capisco perché continui a ripetere ossessivamente questo mantra, lo fa per convincere se stesso che sia giusto così. Ma noi lo solleviamo da questi dilemmi: gli diciamo non ti sforzare, non ti sei accorto che nessuno di noi si è mai dichiarato disponibile ad averti come alleato”. Una chiusura che per Conte vale anche per Renzi, tanto che non ha risparmiato attacchi e critiche per il responsabile della caduta del governo giallorosso: “C’è anche il caso limite di chi saltellando da una comparsata tv e un rinascimento arabo per chiedere l’abolizione di una misura contro la povertà, non ha neppure avuto il coraggio di presentarsi col suo simbolo accontentandosi delle percentuali dei sondaggi che stabilmente li accreditano un punto sopra lo zero. Persone che mentre noi eravamo impegnati nella sfida più dura della pandemia a marzo 2020, mentre tutti copiavano le nostre misure, andavano alla Cnn per dire non fate come l’Italia. Noi non abbiamo nulla a che vedere con persone che accecate dall’egolatria e dall’odio politico sono andati in tv a parlare male del nostro paese”.

Le prossime tappe per il M5s – Per i 5 stelle ora si aprono mesi complessi, con la prima sfida dell’elezione del presidente della Repubblica. Anche per questo Conte ha spinto perché il direttivo della Camera sia rinnovato il prima possibile e così, nonostante le resistenze degli ultimi tempi, pare che succederà. “Nei giorni scorsi abbiamo avuto un confronto” col direttivo, ha detto in apertura del discorso Conte, “avevo chiesto la cortesia di indicarmi i tempi per quanto riguarda i prossimi rinnovi dei direttivi. Al Senato era già in scadenza, qui alla Camera c’è una scadenza che veniva a coincidere con la procedura di elezione del Presidente della Repubblica. Avevo chiesto, per ragioni di esclusiva funzionalità, che questa scadenza potesse essere anticipata per quanto necessario, quindi il direttivo della Camera ci è venuto incontro e di questo dobbiamo ringraziarli”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giuseppe Conte interviene all’assemblea congiunta dei parlamentari del Movimento 5 stelle: segui la diretta tv

next
Articolo Successivo

Milano, l’ex candidato sindaco di centrodestra: “Per gli alleati sono l’Orso Yoghi? Se è per questo mi hanno dato anche del Pinguino di Batman”

next