Non solo smart working da casa nel rispetto di precise fasce orarie in cui essere operativi, restare reperibili e disconnettersi. Per i dipendenti pubblici spunta anche la possibilità di lavorare da remoto e addirittura dall’estero, sia pur con precisi vincoli di tempo e luogo. È quanto emerge dalla nuova bozza di contratto per le Funzioni centrali presentata dall’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni (Aran) ai sindacati il 20 ottobre. Un testo normativo ancora in fase di definizione concepito per rispondere al decreto firmato dal ministro Renato Brunetta, che entro 30 ottobre punta a far rientrare in ufficio gli statali sulla base di turni e lavoro ibrido.

Nell’ultima versione del documento destinato agli addetti di ministeri, agenzie fiscali, enti pubblici non economici e altre realtà di questo tipo è stata infatti cancellata la frase secondo la quale la prestazione può essere eseguita fuori dai locali dell’amministrazione “ma in ogni caso entro i confini del territorio nazionale“. Questo significa che, almeno in teoria, sarà possibile fare smart working anche dall’estero quando siano garantite sicurezza della persona, riservatezza dei dati e piena operatività della sua dotazione informatica. Una condizione fondamentale per alcune categorie come quella dei frontalieri o di chi accompagna il coniuge all’estero.

“Con vincolo di tempo e nel rispetto degli obblighi di presenza derivanti dalle disposizioni sull’orario lavorativo, il lavoro da remoto può essere svolto anche attraverso una modificazione del luogo di adempimento della prestazione lavorativa”, recita la bozza. Nella quale si legge che tale facoltà comporta “l’effettuazione della prestazione in una sede idonea e diversa dall’ufficio assegnato al dipendente”. “Il lavoro da remoto” – prosegue poi il documento – “può essere svolto anche sotto forma di telelavoro domiciliare o in altre modalità come il coworking o il lavoro decentrato da centri satellite”. Per tutte queste modalità a distanza, il nuovo contratto si propone di prevede stessi diritti e stessi obblighi validi per chi opera in presenza, compresi riposi, pause e permessi orari: non sono quindi individuate le tre fasce orarie previste per il lavoro agile (operatività, contattabilità e inoperabilità).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le hostess Alitalia si spogliano in piazza, la protesta silenziosa davanti al Campidoglio: “Qui anche per i colleghi con contratti umilianti”

next
Articolo Successivo

Lavoro sottopagato – Quindici ore al giorno, costi a carico, rischi in strada e notti in cabina: “Tutto per 7 euro all’ora”. I camionisti spiegano le vere ragioni per cui “mancano lavoratori” nel settore

next