“Perché ho rifiutato il risarcimento da parte di Aspi? Perché un padre è padre sempre”. Così Roberto Battiloro, padre di Giovanni, 29enne tra le vittime della strage del Ponte Morandi. “Mi basta tornare a Genova per vedere i fantasmi”, commenta Battiloro fuori dalla tensostruttura da 200 posti allestita nel cortile del palazzo di giustizia di Genova per l’udienza preliminare del processo per il disastro che il 14 agosto 2018 uccise 43 persone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, prima condanna per caporalato sui rider: 3 anni e otto mesi all’ex intermediario di Uber. Ai fattorini 440mila euro di risarcimento

next
Articolo Successivo

Processo Ponte Morandi, Egle Possetti (Comitato in ricordo delle vittime): “La vicinanza dello Stato è una sorpresa e un’ottima notizia”

next