Di solidarietà senza atti concreti si può morire. Beppe Giulietti, presidente della Federazione della Stampa Italiana è netto durante il suo intervento al sit-in davanti a Montecitorio, indetto dalla Fnsi. “C’è un attacco inaudito all’articolo 21 della Costituzione – afferma Giulietti – e di fronte a questo governo e Parlamento non approvano nessuna delle norme ferme da anni, dall’equo compenso alle querele bavaglio. Siamo di fronte a ricatti intollerabili e credo di dovrà arrivare allo sciopero generale”. Raffaele Lorusso, segretario Fnsi: “Se il governo volesse potrebbe dare attuazione a norme ferme dal 2012. Non vorrei i stesse diffondendo il messaggio che è bene che la stampa sia libera, ma è molto meglio se i giornalisti lo siano un po’ meno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai, l’autunno caldo delle nomine: a ottobre scadono i direttori dei tg. Da Maggioni a Di Bella, ecco il totonomi sul tavolo di Fuortes

next
Articolo Successivo

Diffamazione, la cassa dei giornalisti querela due suoi iscritti e perde. Aveva chiesto 75mila euro, ma i giudici: “Notizia corretta”

next