Di solidarietà senza atti concreti si può morire. Beppe Giulietti, presidente della Federazione della Stampa Italiana è netto durante il suo intervento al sit-in davanti a Montecitorio, indetto dalla Fnsi. “C’è un attacco inaudito all’articolo 21 della Costituzione – afferma Giulietti – e di fronte a questo governo e Parlamento non approvano nessuna delle norme ferme da anni, dall’equo compenso alle querele bavaglio. Siamo di fronte a ricatti intollerabili e credo di dovrà arrivare allo sciopero generale”. Raffaele Lorusso, segretario Fnsi: “Se il governo volesse potrebbe dare attuazione a norme ferme dal 2012. Non vorrei i stesse diffondendo il messaggio che è bene che la stampa sia libera, ma è molto meglio se i giornalisti lo siano un po’ meno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai, l’autunno caldo delle nomine: a ottobre scadono i direttori dei tg. Da Maggioni a Di Bella, ecco il totonomi sul tavolo di Fuortes

next
Articolo Successivo

Diffamazione, la cassa dei giornalisti querela due suoi iscritti e perde. Aveva chiesto 75mila euro, ma i giudici: “Notizia corretta”

next