È un rogo molto vasto quello che si è sviluppato nella notte tra sabato e domenica nella zona Ostiense a Roma. Le fiamme hanno interessato anche il ponte di Ferro: una parte del viadotto, consumata dal rogo, è crollata poco dopo la mezzanotte. Sul posto sono subito intervenuti i vigili del vuoco. Molte le segnalazioni sono arrivate alle forze dell’ordine anche perché la zona è vicina ad una delle aree della movida romana.

Coinvolta anche una condotta del gas. Al momento sembrerebbe che non ci siano persone coinvolte, secondo quanto hanno comunicato i vigili del fuoco. Dopo aver preso fuoco, alcune parti del Ponte di ferro si sono staccate cadendo nel Tevere. Il Ponte dell’Industria – questo il nome ufficiale dell’opera – è stato costruito tra il 1862 ed il 1863 ed è lungo 131 metri. L’incendio ha interessato il sistema di tubazioni elettriche e del gas poste sulla parte laterale del Ponte dell’Industria. Le fiamme sono state spente poco prima dell’una della notte. Il rogo ha interessato le due passarelle laterali alla struttura dove passano condotte elettriche e del gas. L’interruzione della corrente e della fornitura idrica ha interessato almeno 180 famiglie residenti nei palazzi della zona.

Eccolo che viene giù. #pontediferro pic.twitter.com/AOtEusNSYo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, almeno 4mila persone alla manifestazione No green pass: disagi per il traffico in centro. In 8 accompagnati in Questura

next
Articolo Successivo

Roma, il Ponte di ferro distrutto dalle fiamme. L’ipotesi del rogo dalle baraccopoli, come nel 2013. Per la riapertura ci vorranno mesi

next