Stava raggiungendo Olbia, dove avrebbe dovuto trascorre una vacanza nella sua villa con la famiglia. Ma lui, Dan Petrescu, noto immobiliarista 68enne della Romania, su quell’isola non ci è mai arrivato. L’aereo che stava pilotando, un Pilatus Pc-12, si è schiantato intorno alle 13 a Milano, nella zona sud-ovest della città, poco dopo il decollo dall’aeroporto di Linate. Un incidente che, oltre alla sua, ha provocato la morte di altre sette persone. A bordo si trovavano in sostanza due famiglie: quella di Petrescu e quella dell’amico imprenditore di Pavia ma residente a Milano Filippo Nascimbene, 33 anni. L’altra vittima italiana nel disastro è il figlio di Nascimbene, Raphael, nato a Milano nel 2020. Madre di Raphael e moglie di Nascimbene è Claire Stephanie Caroline Alexandrescou, 34 anni, nata in Francia, sull’aereo così come sua madre Miruna Anca Wanda Lozinschi, romena di 65 anni con cittadinanza francese.

L’altra famiglia coinvolta è quella dei Petrescu, come detto: con il padre Dan, 68 anni, il figlio Dan Stefan, 30 anni, entrambi con doppia nazionalità romena e tedesca, e la moglie Regina Dorotea Petrescu Balzat, 65 anni. L’ottava vittima è Julien Brossard, 36 anni, amico canadese di Dan Stefan. La polizia ha precisato che in attesa di ufficialità derivata dalle comparazioni dei profili genetici e considerando l’assenza di una lista passeggeri ufficiale, queste sono le otto plausibili vittime.

Nato a Monaco di Baviera e in possesso anche della cittadinanza tedesca, Petrescu era uno degli uomini più ricchi della Romania. La sua fortuna se l’era costruita investendo nel settore immobiliare, in particolare negli ipermercati delle catene Metro e Real: un business che gli è valso un patrimonio personale stimato intorno ai 3 miliardi di euro. Dopo aver trascorso molti anni in Germania per sfuggire al regime di Nicolae Ceausescu, nel 1989 aveva deciso di tornare nel suo Paese natale. Secondo la stampa romena, il velivolo su quale viaggiava era stato acquistato nel 2015 insieme a Vova Cohn, ex azionista della squadra di calcio Dinamo Bucarest. Tra i suoi partner anche Ion Țiriac, ex tennista romeno diventato plurimiliardario grazie alla finanza e in particolare ad investimenti nel ramo bancario e assicurativo. I due condividevano gli affari ma non lo stile, visto che a differenza dell’eccentrico sportivo Petrescu era un personaggio estremamente riservato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Milano, aereo precipita sopra un edificio in costruzione. Otto morti tra cui un bambino. Un testimone: “Come una bomba”

next
Articolo Successivo

Udine, il comune stanzia 675mila euro per 67 videocamere a riconoscimento facciale. Ma non possono essere usate (per ora)

next