“Sono molto contento di questa chiusura di campagna elettorale in contemporanea in tutti i municipi. Volevo essere a San Basilio, un quartiere che ha sofferto tanto ma anche un quartiere dove sono nate tante lotte. Qui c’è un insediamento importante della sinistra che abbiamo perso e che ora riconquisteremo. Siamo fiduciosi di arrivare primi al primo turno. Sappiamo che il centrodestra è forte e unito ma ce la metteremo tutta perché non possiamo tornare indietro, l’Italia e Roma non possono tornare indietro”. Così Roberto Gualtieri, candidato sindaco di Roma per il centrosinistra, chiudendo la campagna elettorale a San Basilio. L’ex ministro dell’Economia, si è detto “inquietato” per quanto scoperto dall’inchiesta di Fanpage con al centro la campagna elettorale di Fratelli d’Italia a Milano, tra presunti finanziamenti in nero e le pressioni dei gruppi di estrema destra. “L’estrema destra è nelle liste che sostengono Michetti e Roma deve andare nella direzione della democrazia – ha incalzato Gualtieri – Questa non è la stagione dei nazionalisti e dei populisti, è la stagione della democrazia, della solidarietà e dell’inclusione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Raggi chiude la campagna elettorale a Bocca della Verità: “Rifarei tutto quello che ho fatto contro i Casamonica, gli Spada, i Fasciani”

next
Articolo Successivo

Roma, Grillo chiama Virginia Raggi: “Nel caso perdessi non sparirai…”. Brusio in piazza, la sindaca: “Borbottano, noi vogliamo vincere”

next