La commissione d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni ha audito la Professoressa Maha Abdelrahman, supervisor della ricerca di dottorato dello studente italiano. L’audizione è avvenuta a Cambridge, dove una delegazione della commissione sta svolgendo una missione per incontrare le autorità accademiche e i docenti del giovane ucciso in Egitto. Della delegazione fanno parte il presidente della commissione, Erasmo Palazzotto, Lia Quartapelle, Massimo Ungaro e Roberto Turri. Ieri i commissari hanno ascoltato il Rettore dell’Università di Cambridge, il professor Stephen J. Toope, e altre autorità dell’Ateneo. I commissari hanno avuto modo di approfondire gli aspetti relativi all’attività accademica di Giulio Regeni, le iniziative assunte alla notizia della scomparsa dello studente e i termini delle successive fasi di collaborazione con le autorità italiane.

Nel corso della missione, la delegazione parlamentare ha potuto constatare la piena disponibilità manifestata dall’Università a contribuire ai lavori dell’inchiesta parlamentare. Domani, i deputati italiani saranno a Londra per incontri presso la Camera dei Comuni e il Foreign Office. La commissione d’inchiesta è in procinto di terminare i suoi lavori prima di procedere alla stesura della sua relazione finale. L’ultima audizione in calendario è pianificata per giovedì 30 settembre alle 16.30 con il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, per un complessivo aggiornamento sulle relazioni bilaterali italo-egiziane, sulle iniziative a livello europeo e internazionale alla luce degli ultimi sviluppi sul caso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olanda, piano per uccidere Mark Rutte: arrestato il leader del Partito dell’Unità

next
Articolo Successivo

Canarie, la lava del vulcano raggiunge il mare: a La Palma rischio di nubi tossiche. Le immagini

next