Un buffetto sul collo un colpetto sulla spalla, questo il saluto iniziale prima di qualche battuta tra Carlo Calenda e Matteo Salvini a Porta Portese, a Roma. “Cattivissimi”, dice ironicamente Calenda salutando con il pugno Salvini. Il leader leghista risponde sorridendo: “Io non riesco a essere cattivo”. Calenda ribatte sarcasticamente: “Ma come non ci riesci? La destra manco cattiva?”.
“Ci devi dare una mano dopo”, dice rivolgendosi a Calenda un candidato in lista con la Lega a Roma. Il leader di Azione replica nuovamente divertito dalla situazione: “Vi devo da una mano? Certo voi datemela prima a me così arrivate quarti.” Calenda ha poi postato una parte della scenetta sul suo profilo social scrivendo: “Il ragazzetto faceva lo spiritoso e stamattina siamo stati a trovarlo. Dal vivo tiene le penne basse. Bene così”. La replica del leader della Lega, sempre via social, non si è fatta attendere: “Un ricco e viziato signore, che oggi al mercato di Porta Portese non si filava nessuno (a differenza di tanti commercianti e cittadini che incitavano e ringraziavano me e la Lega) e che per esistere ha dovuto attraversare trafelato la strada…passando pure col rosso, per provare ad attaccare briga. Noi oggi abbiamo risposto con educazione e sorriso, i cittadini romani risponderanno con una valanga di voti alla Lega domenica…e il ricco signore deciderà poi al ballottaggio chi sostenere, visto che lui non ci arriverà”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega, Salvini si presenta a Roma portandosi di nuovo Durigon sul palco. E l’ex sottosegretario riparla del parco Mussolini: “Non sono fascista”

next