“Più sedie vuote che cittadini stamattina per Letta e il Pd a Cosenza. Non spingete! Nello stesso momento, centinaia di persone insieme a me a Bovolone (Verona). Ecco il sondaggio vero“. Il tweet provocatorio di Matteo Salvini – che mette a confronto un proprio evento elettorale con quello calabrese del Pd – apre un botta e risposta sui social, con il segretario dem che replica: “Non ne azzecca una Salvini in questo periodo. Posto le foto per amor di verità. A Cosenza 33 gradi e le persone cercavano l’ombra in piedi alle 12. C’erano centinaia di persone a Cosenza come a Bovolone (20 gradi). E allora? Hanno senso queste penose polemiche costruite sul falso?”.

Sulla polemica interviene anche la federazione provinciale del Pd di Cosenza, che allega altre foto dell’evento in piazza Kennedy – a sostegno del candidato sindaco della città, Franz Caruso, e della candidata governatrice Amalia Bruni – e accusa il leader leghista di aver taroccato il proprio post: “Grande entusiasmo e una nutrita folla di gente nonostante il caldo torrido su piazza Kennedy per il segretario Letta e i candidati al Comune di Cosenza e alla Regione Calabria. La Lega ricorre a Photoshop e non si rende conto di farsi clamorosi autogol“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Green Pass, Landini ad Assisi: “Siamo per l’obbligo vaccinale, lo dice la Costituzione”. Poi ribadisce: “Tamponi gratuiti per i lavoratori”

next
Articolo Successivo

Energia, Giorgetti come Cingolani: “Caro bollette? La transizione ha un costo e qualcuno dovrà pagarlo”

next