I dati dell’epidemia di Covid sono in miglioramento grazie alle vaccinazioni. Il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale della Cabina di regia mostra un paese dove Sars Cov 2 ha meno margini di azione. “L’Italia si sta schiarendo in una Europa dove la circolazione del virus sta lentamente decrescendo. L’Italia si caratterizza come uno dei Paesi con la circolazione più contenuta. La curva in Italia è rimasta contenuta, e ciò grazie alle vaccinazioni, e nell’ultimo periodo c’è un decremento”. I numeri dicono che “la trasmissibilità con l’indice Rt e ricoveri mostrano una decrescita. L’età mediana di chi contrae l’infezione è in leggera crescita a 38 anni, e di ingresso in intensiva è 62-63 anni. I casi sono in decrescita tra i giovani”.

“La curva epidemica è in decremento e l’indice di trasmissibilità Rt è sotto la soglia epidemica: ciò ci fa prevedere che anche nei prossimi giorni ci sarà una circolazione del virus stabile o in lieve diminuzione”. Ma ha aggiunto lo scienziato: “assunto che la variante Delta è dominante e più trasmissibile – ha avvertito – è importante elevare la copertura vaccinale con ciclo completo”. In Italia negli ultimi 45 giorni l’88,7% dei tamponi sequenziati è risultato positivo alla variante Delta del virus Sars-CoV-2 (contro l’88,1% registrato nel bollettino del 3 settembre). È invece quasi sparita la variante Alfa. Negli ultimi 45 giorni, in Italia, è stato identificato un solo caso della variante Mu. La popolazione più giovane tra 20-29 anni e 12-19 anni “sta rispondendo molto bene alle vaccinazioni, e anche quella degli over-80 dove le vaccinazioni sono al 90%. Dal punto di vista delle copertura abbiamo dati confortanti e le persone con ciclo completo sono protette da ricoveri, forme gravi e letalità e si garantisce una protezione importante anche rispetto all’infezione”.

I dati di questa settimana sono abbastanza confortanti, sia per la trasmissibilità Rt sia per l’incidenza e il tasso in calo dei ricoveri, la situazione è quindi abbastanza positiva. Stanno però riprendendo attività e scuole e a fronte della diffusione della variante Delta bisogna continuare a mantenere precauzioni – ha detto il direttore della Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza in conferenza stampa per illustrare il monitoraggio settimanale della Cabina di regia – I vaccini stanno dimostrando una ottima capacità di proteggere dalla malattia Covid-19 grave. Il messaggio da dare è che possiamo ritornare a convivere col virus e riprendere molte attività ma mantenendo sempre precauzioni per tenere l’epidemia sotto controllo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Barbara Palombelli, quale ‘comportamento esasperante e aggressivo’ può far meritare la morte?

next