Li definiscono “numeri preoccupanti”, chiedono alle Asl di “chiarire” quanto “sta accadendo nelle ultime settimane” negli ospedali e di fronte a una “potenziale riduzione dell’immunità” avanzano la richiesta di essere inseriti in tempi rapidi tra coloro che dovranno ricevere quanto prima la terza dose. Il sindacato degli infermieri Nursing Up riporta come tra il 10 agosto e il 10 settembre siano stati 1.848 gli operatori sanitari contagi, in massima parte infermieri appunto. Numeri sostanzialmente collimanti con quegli dell’Iss: “I dati dell’Istituto Superiore della Sanità sono inconfutabili e non possono passare, pericolosamente, sotto traccia”, dice il presidente Antonio De Palma.

“Non ci troviamo solo di fronte alla problematica, fin troppo sottovalutata, della non totale efficacia dei vaccini. Lo sapevamo, noi infermieri, quando abbiamo deciso di sottoporci, coscientemente, in massa, alle somministrazioni. Ne erano e ne sono a conoscenza i cittadini. Ma non ci vengano a dire, di fronte all’esplodere delle varianti, che è tutto sotto controllo e che dovevamo aspettarcelo”, aggiunge De Palma. Nursing Up lamenta che le Asl, nonostante apposite richieste, non abbia fornito i dati relativi a quanti operatori sanitari abbiano poi sviluppato la malattia o si siano contagiati senza sintomi. La Federazione nazionale ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi) a fine agosto avevano lanciato un’allarme simile, sottolineando però come la maggior parte dei casi non avesse sviluppato sintomi gravi e non si segnalassero decessi.

“Le Direzioni Sanitarie italiane – aggiunge De Palma – chiariscano immediatamente quanto sta accadendo nelle ultime settimane nei loro ospedali. In particolare, nella Regione Lazio, le cronache giornalistiche, supportate dalle indagini interne dei nostri referenti, ci raccontano di situazioni non del tutto chiare”. Il riferimento è ai focolai nel Sant’Eugenio e dell’ospedale dei Castelli, con il reparto chirurgia chiuso a nuovi ricoveri. E un terzo focolaio è stato rintracciato nelle ultime ore nella Sala operativa del 118 di Palermo. “Vogliamo comprendere fino a che punto gli infermieri già vaccinati si stanno ammalando di nuovo, vogliamo sapere se questa impennata di casi è stata presa in considerazione dagli organismi di vigilanza al fine di valutare la reale efficacia del vaccino”, dice ancora De Palma. La terza dose per i sanitari, al momento, non ha una data fissata. L’ipotesi più probabile è che diventino fascia prioritaria dopo immunodepressi e over 80, con una attesa che – stando a Il Sole24Ore – dovrebbe durare ancora circa 3 mesi. “Appare evidente che, alla luce dei nuovi contagi, siamo di fronte oggi ad una potenziale riduzione dell’immunità per gli infermieri che si sono vaccinati tra gennaio e febbraio 2021 – spiega De Palma – Cosa stiamo aspettando a prendere decisioni risolutive, e soprattutto certe e valide per tutti?”.

Un aspetto sul quale si sofferma anche Silvestro Scotti, presidente della Federazione italiana dei medici di medicina generale: “Credo che la terza dose di vaccino anti-Covid andrebbe fatta a tutta la categoria del personale sanitario, ma molto dipenderà anche dai dati relativi alle reinfezioni dei sanitari visto che è la categoria che si è vaccinata per prima”, ricorda. “È chiaro che se si rileva un aumento dell’incidenza dei casi tra i sanitari, allora la terza dose va sicuramente estesa – aggiunge il numero uno della Fimmg – Bisogna cioè valutare il tasso di incidenza su questa categoria, e se questo tende a crescere nei prossimi mesi allora credo sia imprescindibile l’idea di fare la terza dose a tutti”. Inoltre, spiega Scotti, “al rischio legato alla mansione di lavoro aggiungerei comunque anche il rischio individuale: se ci sono cioè sanitari che hanno condizioni di età e cronicità che portano ad un rischio maggiore, a prescindere da dove lavorano andrebbero vaccinati con la terza dose, come i sanitari che lavorano nei reparti Covid. Come medici di famiglia chiediamo di essere considerati a parità di rischio di altri soggetti”.

De Palma si chiede: “Se in un contesto tanto ristretto, cioè quello degli ospedali italiani, dove il rischio di imbattersi nel virus è superiore, in un solo mese il numero dei nuovi operatori sanitari infettatati è schizzato a quota 2.000 nonostante tutte le norme di prevenzione oggi applicate, dalle mascherina alle tute ed ogni quant’altro, cosa accadrebbe ai normali cittadini vaccinati, se ci fosse una recrudescenza di pervasività del Sars-Cov 2, e quindi se il virus tornasse a circolare, anche per poco tempo, nelle scuole, negli uffici o nei locali pubblici italiani dove non c’è lo stesso livello di utilizzo degli strumenti di prevenzione come invece accade nei nosocomi?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati: 4.021 nuovi casi e 72 morti nelle ultime 24 ore. Le vittime totali superano quota 130mila

next
Articolo Successivo

Galli a La7: “Sono i miei ultimi 40 giorni da primario, a 70 anni devo andare in pensione”

next