Novak Djokovic ha battuto Matteo Berrettini ai quarti di finale dell’Us Open. Il n.1 al mondo ha eliminato il giovane campione italiano all’Arthur Ashe Stadium di New York per 3-1 in rimonta con un punteggio di 5-7, 6-2, 6-2, 6-3 e si è qualificato per le semifinali degli Us Open. Dopo il primo set fantastico, lunghissimo e combattutissimo, proprio come già accadde nella finale di Wimbledon, il n.1 al mondo si è dimostrato troppo forte nonostante la grande prestazione di Berrettini.

“Matteo è uno splendido giocatore”, ha detto Novak Djokovic commentando la vittoria. “Quando ho perso il primo set, sono riuscito a dimenticarlo. I tre set che ho vinto sono stati i migliori che ho giocato nel torneo”, ha aggiunto. Il serbo è a due vittorie per diventare il terzo uomo di sempre a vincere tutti gli Slam in una stagione. “Ho battuto un ragazzo molto potente – è la sua analisi nel dopo gara – ma a me piace uscire alla distanza. Amo i cinque set e sento di giocare meglio nelle ultime partite. Sono sulla buona strada”.

“Ho provato a puntare sul servizio – ha detto invece Berrettini – ma ho trovato di fronte il più grande risponditore di sempre. Il mio prossimo step è mantenere la stessa forza mentale per quattro, cinque set, non solo per il primo”. Djokovic resta irraggiungibile per ora. “Se siamo in otto miliardi nel mondo – scherza Berrettini – e nessuno lo batte, ci sarà un motivo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’ultimo Grande Slam di Rod Laver: quando 52 anni fa l’australiano fece l’impresa. Djokovic ci riprova, sulla sua strada c’è Matteo Berrettini

next