Una nuova visita in ospedale, a 48 ore dall’udienza del processo Ruby ter a Milano. Ecco perché gli avvocati di Silvio Berlusconi potrebbero inoltrare ai giudici una richiesta di rinvio per motivi di salute. I legali, guidati dall’avvocato Federico Cecconi, decideranno il da farsi solo quando avranno l’esito di tutti gli accertamenti sanitari.

Già nel maggio scorso il giudici del Tribunale di Milano avevano concesso un lungo rinvio del dibattimento per tutti gli imputati, a cominciare dallo stesso leader di Forza Italia, sempre a causa delle sue condizioni di salute che aveva portato al rinvio di quattro udienze di seguito. In quell’occasione i magistrati avevano respinto le istanze di accusa e difesa che chiedevano di separare la posizione di Berlusconi da quella degli altri 28 imputati per corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza nel filone milanese del processo Ruby ter. Analoga richiesta era stata avallata invece dai giudici del filone romano: nel capoluogo, infatti, la posizione di Berlusconi è stata stralciata da quella dell’unico altro imputato, l’amico cantautore Mariano Apicella, che invece deve rispondere di falsa testimonianza.

A Milano, invece, la ripresa del Ruby ter è fissata tra due giorni, l’8 settembre. Proprio stamane Berlusconi è tornato all’ospedale San Raffaele di Milano, dove si è sottoposto a un controllo medico, una visita lampo di meno di mezz’ora, per poi tornare ad Arcore. Giusto sei giorni fa, lo scorso primo settembre, l’ex premier era stato nello stesso ospedale per circa due ore, dopo meno di una settimana dall’ultimo ricovero, quello del 27 agosto, successivo alle vacanze in Sardegna.

Il blitz di Berlusconi dal medico personale, Alberto Zangrillo, ha ancora una volta agitato i fedelissimi, anche se ormai il partito è abituato alle continue visite ospedaliere dell’ex premier, dovute alla salute altalenante a causa delle artimie cardiache legate all’operazione a cuore aperto subita nel 2016 e agli effetti del long Covid dopo il contagio del settembre scorso. Problemi di salute che s’incrocia spesso con gli appuntamenti giudiziari di Berlusconi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Strage di Viareggio, le motivazioni della Cassazione: “Controllo sulla manutenzione avrebbe evitato l’incidente”. Ma l’omicidio è prescritto

next
Articolo Successivo

La Cassazione non impugna la decisione del Csm su Storari, che può restare a Milano. Avviati accertamenti su Greco: “Atto dovuto”

next