Forse alcuni di voi ricorderanno lo scandalo che ha colpito Apple qualche anno fa, ricordato con il nome di battery gate. L’azienda di Cupertino era stata scoperta a rallentare di proposito i vecchi iPhone degli utenti con batteria degradata in modo da evitare spegnimenti improvvisi o eccessiva diminuzione dell’autonomia.

Nonostante i buoni propositi, o almeno questo è quello che Apple aveva dichiarato, il problema stava nel fatto che questo cambiamento prestazionale non era in alcun modo stato comunicato agli utenti. Le community che gravitano attorno a iOS, hanno trovato, però, un modo estremamente semplice per eliminare questi limitatori alla potenza.

Se avete tra le mani un iPhone con qualche anno di vita è possibile che al momento compia delle funzioni in maniera più lenta e meno reattiva a causa della batteria degradata, tuttavia esiste un modo per riportarlo a compiere suddette funzioni ipiù celermente.

Secondo quanto condiviso dai colleghi di GizChina, alcuni utenti cinesi avrebbero trovato un ingegnoso sistema per eliminare ogni restrizione di potenza sui propri iPhone. Ovviamente gli effetti sono più evidenti nei modelli di iPhone meno recenti o con una batteria più degradata. Per spiegarvi meglio: se siete in possesso di un iPhone 12 Pro Max, questo sistema non porterà alcun beneficio al vostro telefono.

Per velocizzare di nuovo i propri iPhone limitati è sufficiente impostare la regione di utilizzo su Francia. Se vi sembra troppo semplice, e poco credibile, vi basti pensare che a Francia è uno dei Paesi che ha colpito più duramente l’azienda americana a seguito della scoperta dei limitatori. È molto probabile, quindi, che Apple abbia voluto rimuovere questo “collo di bottiglia” alle performance, per evitare ulteriori conseguenze legali.

Cambiando la regione su Francia, il famigerato sistema di “gestione delle prestazioni” di Apple verrebbe dunque disattivato completamente. A conferma di ciò, gli utenti hanno confrontato i punteggi prima e dopo il cambiamento della regione, notando numeri più alti nei benchmark (banalmente dei software che misurano le prestazioni del dispositivo).

È ovviamente d’obbligo ricordare che Apple ha inserito questo genere di gestione delle prestazioni per evitare spegnimenti improvvisi dei terminali, in caso la batteria non riesca a garantire un flusso di corrente in uscita sufficiente quando richiesto dal chip. Pertanto è possibile che utilizzare il vostro vecchio smartphone Apple a piena potenza voglia dire sacrificare preziose ore di autonomia e incorrere in potenziali problemi di spegnimento inaspettato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Oppo Reno 4Z 5G, smartphone di fascia media in offerta sul Web con sconti attorno al 40%

next