Ricomincia la Serie A: la grande novità è il ritorno del pubblico sugli spalti, ma anche per gli spettatori in tv è l’anno della rivoluzione. Sky non è più la casa del campionato, anche se trasmetterà tre partite ogni fine settimana. Ora è il momento dello streaming e di Dazn, che ha i diritti per tutte le 10 partite. Nel frattempo il campionato diventa sempre più spezzatino, anche se l’ipotesi dei 10 in match in 10 orari diversi è stata per ora scongiurata. Intanto un primo assaggio lo si avrà in questa prima giornata, spalmata su tre giorni e con partite alle 18.30 e alle 20.45.

Si comincia con il ritorno dei campioni d’Italia: sabato alle 18.30 c’è Inter-Genoa. Si finisce 50 ore dopo con l’altro match sull’asse Milano-Genova: lunedì per ultime scenderanno in campo Sampdoria e Milan. Sabato sera tocca alla Lazio di mister Sarri, domenica giocano Juventus, Napoli e Roma. Ecco il programma completo della prima giornata di Serie A, con gli orari e dove vedere le gare in tv:

Sabato 21 agosto
Hellas Verona-Sassuolo, ore 18.30: Dazn
Inter-Genoa, ore 18.30: Dazn
Empoli-Lazio, ore 20.45: Sky Sport e Dazn
Torino-Atalanta, ore 20.45: Dazn

Domenica 22 agosto
Bologna-Salernitana, ore 18.30: Sky Sport e Dazn
Udinese-Juventus, ore 18.30: Dazn
Napoli-Venezia, ore 20.45: Dazn
Roma-Fiorentina, ore 20.45: Dazn

Lunedì 23 agosto
Cagliari-Spezia, ore 18.30: Dazn
Sampdoria-Milan, ore 20.45: Sky Sport e Dazn

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Serie A riparte con la capienza al 50%: i vaccini per ora salvano il campionato, ma senza stadi pieni il sistema calcio non reggerà

next
Articolo Successivo

Oriali, l’addio più doloroso: perché l’Inter non ha perso solo un team manager (e Zanetti lo ha voluto sottolineare)

next