Mascherine imbustate nella plastica che piovono da un elicottero a bassa quota, atterrando sulle spiagge e – quel che è peggio – nel mare della Calabria, con impatto ambientale devastante. Ecco l’ultima trovata elettorale di Leo Battaglia, agente immobiliare di Castrovillari, candidato della Lega alle regionali del 3 e 4 ottobre: centinaia di involucri di plastica scaricati sulla costa, contenenti – oltre alla maschera chirurgica – un volantino con il nome del politico, il logo del partito e la scritta “omaggio”. Sui social si affastellano le testimonianze indignate con foto da tutto il litorale dell’alto Jonio cosentino, tra Trebisacce e Sibari, arrivate anche alla nostra mail redazioneweb@ilfattoquotidiano.it. “Una vergogna. La Lega, invece di inquinare mare e spiagge, dovrebbe, visto che è al governo regionale, far funzionare i depuratori per il mare e smaltire i rifiuti”, è il commento di Luigi De Magistris, sindaco di Napoli e candidato governatore della Regione.

Ecco il racconto di Alessia Alboresi, consigliera comunale di Corigliano-Rossano: “Ore 12. Un elicottero a bassa quota vola sulle spiagge. Temiamo tutti ci sia un incendio. Invece scarica – e la maggior parte ovviamente finisce in mare! – queste bustine di plastica contenenti una mascherina chirurgica con questa scritta. Ignobile forma di pubblicità politica. Non c’è limite alla strafottenza e al cattivo gusto. Ovviamente ho segnalato a chi di dovere”. O quello di Nicola La Vitola, architetto, dalla spiaggia di Trebisacce: “L’elicottero volava basso sicuramente al di sotto dei 150m, mettendo in pericolo la presenza di tutte le persone presenti sul litorale. Il lancio avveniva perfettamente sulla linea di costa e quindi questo pacchetto di porcheria finiva indiscriminatamente metà a mare e metà sulla spiaggia. Io ho denunciato sia alla Guardia costiera che alla Guardia di finanza. Chiunque abbia promosso questa iniziativa si deve vergognare e assumersi la responsabilità di questo scempio”.

Il nome di Battaglia, peraltro, è già noto ai calabresi per passate, discutibili iniziative di “comunicazione elettorale“. In occasione delle regionali 2014 – quando si candidò, senza essere eletto, sotto le insegne di Fratelli d’Italia – aveva fatto imbrattare i muri di tutto il cosentino, in particolare le strade statali e provinciali, con lo slogan “Leo Battaglia alla Regione” scritto a bomboletta spray. Condotta criticata da gran parte della popolazione, tanto che per far rimuovere le scritte era nata una petizione e un apposito gruppo Facebook. Ma non è tutto. In occasione della campagna elettorale 2020 – quando, ancora una volta, aveva corso con la Lega senza essere eletto – aveva fatto salire il fratello gemello sul palco di Crotone con Matteo Salvini, mentre lui continuava la campagna elettorale nel cosentino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incendi, “la riforma che ha azzerato la Forestale non funziona. Parlamento e governo rivedano tutto”. Parla l’ex Sovrintendente

next
Articolo Successivo

Afghanistan, Lamorgese: “Finora accolti 228 collaboratori, ma la situazione comporterà un’accelerazione” – Video

next