Il fondatore di Emergency, Gino Strada, morto oggi all’età di 73 anni, si è sempre battuto per i diritti dei migranti in fuga dalla miseria e dalle violenze E contro i respingimenti in mare. Per questo nel 2017 si scagliò contro il governo italiano e l’allora ministro dell’Interno Marco Minniti, che aveva da poco gettato le basi per il memorandum d’intesa con la Libia per il controllo delle frontiere e del Mediterraneo. Intervistato da ilfattoquotidiano.it, lui, che ha speso tutta la vita contro tutte le guerre, definì quell’accordo “un atto di guerra contro i migranti”. Lui che ha speso una vita intera contro ogni guerra.

L’intervista è del 5 settembre 2017

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Addio a Gino Strada, è morto a 73 anni il fondatore di Emergency. Mattarella: “Ha portato le ragioni della vita, dove la guerra imponeva violenza e morte”

next
Articolo Successivo

È morto Gino Strada, voce libera in difesa degli ultimi: addio al medico impegnato contro ogni guerra ed esclusione sociale

next