A Milano martedì pomeriggio è arrivata la prima sanzione per aver usato il green pass di un’altra persona. Un 21enne si è presentato in palestra con un certificato verde non suo. Il titolare però, ricordandosi il nome del suo cliente, si è accorto che non corrispondeva con quello apparso sul suo display. Prima ha prima chiesto spiegazioni e poi, dopo una discussione, ha deciso di chiamare la polizia.

Il cliente 21enne della palestra, che si trova nella zona di Porta Romana, alla richiesta della polizia di mostrare il Green pass ha spiegato di essere contrario alla normativa anti Covid. Gli agenti hanno acquisito i suoi dati e il giovane riceverà una multa che varia dai 400 ai mille euro. La vicenda però potrebbe diventare più seria e cadere nel penale se dovesse risultare che il Green pass non solo non è il suo ma si dovesse rivelare falso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, i dati – 7.409 nuovi positivi e 45 morti. Aumentano ricoveri e intensive, tasso di positività stabile: è al 3,2%

next