Il mese scorso l’inflazione italiana è salita all’1,9%. Un poco di più rispetto a quanto emerso nelle primissime stime che collocavano l’incremento dei prezzi rispetto all’anno prima all’1,8%. Rispetto allo scorso giugno i prezzi sono saliti in media dello 0,5%, spinti soprattutto dall’incremento dei costi energetici, compresi i carburanti, che, a cascata, si ripercuotono su gran parte dei beni a causa del maggior costo del trasporto. Reggio Emilia è il capoluogo dove l’inflazione “morde” di più con un tasso del 2,7%. Seguono Trento (+2,6%), Bari e Bolzano (entrambe a +2,5%), mentre le variazioni più contenute si osservano ad Ancona (+1,0%) Brescia e Milano (entrambe +1,3%). Roma si ferma all’1,6%, Napoli è all’1,9%, Palermo al 2%, Torino all’1,4%. L’inflazione acquisita per il 2021, ossia il dato che si avrebbe a fine anno con variazioni nulle nei prossimi mesi, è pari a +1,6% per l’indice generale e a +0,8% per la componente di fondo. Lo rileva l’Istat diffondendo i dati definitivi sui prezzi a luglio.

Come segnala l’Istat i prezzi dei bene energetici registrano un’ impennata del 18,6% in confronto al luglio 2020. In particolare la componente regolamentata, in sostanza le bollette di luce e gas, balza di ben il 34%. Ieri l’Unione nazionale dei consumatori ha lanciato l’allarme per il caro carburante che contraddistingue il periodo dei grandi spostamenti estivi. La benzina si paga il 18,6% in più di un anno fa mentre il gasolio il 17,6%. Significa spendere circa 13 euro in più per un pieno di benzina e 11 euro per le vetture diesel.

Tornano a crescere anche i prezzi dei beni alimentari lavorati (+ 0,2%). I vacanzieri non devono fare i conti solo con il caro carburanti. Come rileva sempre l’Unione nazionale consumatori “In un solo mese il trasporto aereo passeggeri è salito del 14% mentre per chi ha deciso di raggiungere il luogo di villeggiatura con la nave si tratta di una batosta record: se il trasporto marittimo e per vie d’acqua interne è rincarato del 22,5% rispetto a giugno, il solo trasporto marittimo ha un balzo sul mese precedente del 24,7%. I voli nazionali salgono del 17%, i villaggi vacanze, campeggi, ostelli della gioventù del 15,4%, i voli internazionali del 12,3%, i pacchetti turistici internazionali dell’8,1%”.

Confermato il dato tedesco che vede un’inflazione doppia rispetto a quella italiana. In Germania i prezzi sono aumentati in media del 3,8% rispetto al luglio 2020 e dello 0,9% sullo scorso giugno. Conferma anche per gli Stati Uniti con il carovita che in luglio si è portato al 5,4%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banche, semestre d’oro per Intesa Sanpaolo. Domani i conti di Mps, possibile un piccolo utile trimestrale. Alle 20 parla il ministro Franco

next
Articolo Successivo

Il giocattolo si fa serio. Maxi fusione nel settore dei sex toys tra Wow Tech e Lovehoney. Operazione da 1 miliardo di euro

next