Obbligatorietà dovrebbe essere estesa anche ai mezzi pubblici locali. Come sempre il problema è legato ai controlli. Bisognerebbe avere approfondimenti maggiori rispetto alle eccezioni, altrimenti si impedisce a persone che per qualsiasi motivo non possono fare il vaccino di accedere a un mezzo pubblico. Ma la coerenza e il rischio rappresentato dai mezzi pubblici dice anche anche sui mezzi pubblici uno dovrebbe avere una situazione garantita per evitare che l’infezione possa ulteriormente diffondersi”. Lo ha detto a Sky TG24 Massimo Galli, direttore della clinica di Malattie Infettive dell’ospedale Sacco di Milano, ospite di ‘Buongiornò. Lo ha detto a Sky TG24 Massimo Galli, direttore della clinica di Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, ospite di ‘Buongiorno

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green pass, come funzionano le verifiche: il controllo dell’identità è “discrezionale” esclusi i “casi di abuso”. Sanzioni? Solo per i clienti

next
Articolo Successivo

Coni, l’ex fisioterapista di Malagò nominato nello staff al vertice di Cassa depositi e prestiti: “Scelto per le sue esperienze da manager”

next