“Questo rapporto utilizza cinque possibili scenari di emissioni per esplorare una vasta gamma di possibili futuri per il clima globale. Rispetto i precedenti rapporti Ipcc questo presenta uno scenario in più che include una forte mitigazione del clima e dell’inquinamento atmosferico”. Lo ha spiegato Susanna Corti, ricercatrice all’Istituto di Scienze dell’atmosfera e del clima (ISAC) del Cnr, sul nuovo rapporto del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico. “Intorno al 2050 la temperatura superficiale del nostro pianeta, sarà superiore in tutti gli scenari considerati. Molte delle variazioni osservate nel sistema climatico tra cui ondate di calore, siccità e perdita di ghiaccio marino e artico, diventeranno più intense al crescere del riscaldamento globale. Alcune conseguenze già in atto sono irreversibili su scala temporale nell’ordine di centinaia di anni e riguardano gli oceani, il ghiaccio artico e il livello del mare”, ha spiegato Susanna Corti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia, il Mose è un sistema geniale ma non basta: bisogna lavorare anche a piccola scala

next
Articolo Successivo

Clima, dopo aver letto il rapporto Ipcc noi genitori non sappiamo bene cosa fare

next