Andrew M. Cuomo, il governatore democratico dello stato di New York accusato dalla magistratura di molestie sessuali nei confronti di 11 donne, ha annunciato le sue dimissioni in un discorso video trasmesso in tv. “Sprecare energie in distrazioni è l’ultima cosa che il governo dello stato dovrebbe fare, e non posso esserne io la causa”, ha detto. “Date le circostanze, il modo migliore in cui posso aiutare è fare un passo di lato e far sì che il governo torni a governare”. Cuomo avrebbe dovuto affrontare un tentativo di impeachement da parte dell’opposizione in Assemblea legislativa.

Mi scuso profondamente se ho offeso qualcuno, sono stato troppo familiare con le persone, uomini e donne, – ha detto Cuomo, nell’ultimo tentativo pubblico di difendere la sua condotta – ma non ho mai superato il limite con nessuno”.

Il governatore decadrà formalmente dalla carica tra due settimane. Nel video ha affermato di essere “un combattente e che il suo istinto sarebbe quello di combattere” le polemiche e le accuse di aggressione sessuale contro di lui, ma che ciò avrebbe generato solo “mesi di controversie politiche e legali”. A subentrare al suo posto sarà la vicegovernatrice di New York, Kathy Hochul, 62 anni, diventando, così, la prima governatrice donna dello Stato. Nativa di Buffalo, è stata eletta per la prima volta vicegovernatore di New York nel 2014 e ha vinto la rielezione al fianco di Cuomo nel 2018.

Ma il segnale che l’era Cuomo stesse ormai tramontando era arrivato già domenica sera, con le dimissioni improvvise della fedelissima Melissa DeRosa: più di un assistente, era il suo braccio destro, la sua stratega, l’amica fidata rimasta forse l’unica con cui confidarsi e sfogare la propria rabbia e la propria frustrazione. Ma Melissa è stata anche un po’ complice, e per questo è finita tra le carte delle indagini condotte per conto della procuratrice generale dello stato di New York, Letitia James.

Fin dall’emergere delle prime accuse, infatti, avrebbe tentato di coprire, di insabbiare, di proteggere la reputazione del governatore, aiutandolo persino a intimidire e a vendicarsi di chi lo accusava. Non solo: Melissa avrebbe avuto anche un ruolo di primo piano negli sforzi compiuti da Cuomo di nascondere i dati reali sui decessi per Covid-19 nelle case di riposo per anziani nello stato di New York, episodio che è oggetto di indagine da parte sia delle autorità federali che di quelle statali. Insomma, l’impressione è che il passo indietro della donna fosse il tentativo ultimo di salvarsi insieme al suo oramai ex capo.

Secondo l’inchiesta tuttora in corso il governatore avrebbe provato a toccare, baciare e abbracciare diverse donne, in certi casi facendo alcuni commenti definiti “profondamente umilianti, fastidiosi, offensivi e inappropriati” da chi ne è stato oggetto. Tra le donne ci sarebbero alcune attuali ed ex dipendenti dello stato di New York. Sembra, inoltre, che lo stesso Cuomo e altri membri del suo staff abbiano avuto atteggiamenti vendicativi nei confronti di almeno una delle donne che lo avevano accusato, e che abbiano creato un ambiente di lavoro definito “ostile”.

L’inchiesta di 165 pagine, è stata fatta ascoltando 179 persone e consultando più di 74mila diversi documenti, tra cui mail e fotografie. Joon H. Kim, uno degli avvocati che si sono occupati dell’indagine, ha detto che secondo lui non si tratta di “incidenti isolati ma di parti di uno schema generale”. Fin dal principio Cuomo aveva risposto alle accuse dichiarando di non aver “mai toccato qualcuno in modo inappropriato”.

Solo da inizio febbraio 2021 erano state sei le donne a denunciarlo per molestie sessuali o comportamenti inappropriati: a febbraio il governatore aveva diffuso un comunicato in cui diceva che alcuni suoi commenti sul posto di lavoro “potevano essere stati indelicati o troppo personali”. Il 3 marzo si era scusato pubblicamente, sostenendo che non era stata sua intenzione mettere a disagio le donne coinvolte.

Andrew Cuomo ha 63 anni ed è figlio di Mario Cuomo, famosissimo esponente dei Democratici nonché governatore di New York per tre volte tra il 1983 e il 1994, anni in cui lo stato e la città di New York riemersero dopo un lungo periodo di decadenza. Anche Andrew Cuomo è al suo terzo mandato consecutivo da governatore Democratico, che sarebbe scaduto nel 2022.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, i Talebani conquistano Farah: ora controllano il 65% del Paese. Gli Usa: “Governo al potere con la forza non sarà riconosciuto”

next
Articolo Successivo

Usa, via libera al piano per le infrastrutture da mille miliardi di dollari. Determinante il voto di 19 senatori repubblicani

next