iPhone 11 Pro, il modello base di quello che fino ad alcuni mesi fa era il top di gamma del colosso californiano è uno smartphone ancora molto valido. Parliamo infatti di uno smartphone di ultima generazione, presentato a settembre scorso e dotato di un grande display, doppia fotocamera posteriore e autonomia migliorata rispetto alla generazione precedente. Se vi interessa la versione da 128 GB è disponibile in offerta con uno sconto interessante. In particolare la colorazione bianca la trovate su Unieuro a 699 euro anziché 938, mentre a 689 euro su MediaWorld trovate la più esclusiva versione (Product) RED di colore rosso.

L’iPhone 11 Pro può contare su un ottimo display di tipo OLED con diagonale di 5,8 pollici e risoluzione pari a 2436 x 1125 pixel, che produce una densità elevatissima, 458 PPI. Grazie a una luminosità massima di 100 nit e a un contrasto di 2.000.000:1, il display supporta anche l’HDR, mentre la tecnologia TrueTone e l’ampia gamma cromatica P3 garantiscono una riproduzione accurata e vibrante dei colori.

Notevole anche il comparto fotografico, che annovera quattro fotocamere, tre posteriori e una anteriore, tutte con sensore da 12 Mpixel. In particolare le tre posteriori comprendono un obiettivo grandangolare, un ultra grandangolare e un tele. La piattaforma hardware invece comprende il potente processore octa-core A13 Bionic, abbinato a 4 GB di RAM.

I moduli WiFi, Bluetooth, NFC e GPS con supporto alle reti A-GPS/GLONASS/Galileo/QZSS e la batteria da 3046 mAh infine dovrebbe garantire una maggior autonomia rispetto agli iPhone della precedente generazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green Pass, ecco come averlo sempre con sè su Android e iOS

next
Articolo Successivo

ASUS ROG Zephyrus M16, recensione. Un valido portatile per gaming e lavoro

next