Arriva la medaglia d’oro per la vela azzurra a Tokyo 2020. Ruggero Tita e Caterina Marianna Banti, nella disciplina del catamarano misto foiling Nacra 17, hanno concluso la serie di 12 prove di qualifica confermandosi sempre in testa ed estendendo il vantaggio ogni giorno. Nella medal race è bastato un sesto posto per chiudere con la medaglia d’oro al collo. E’ la prima medaglia olimpica per la vela italiana, 13 anni dopo le due conquistate a Pechino 2008 (Qingdao) e sono 21 anni dall’ultima medaglia d’oro a Sydney di Alessandra Sensini. E’ il quinto oro dell’Italia Team a Tokyo 2020 e la 29esima medaglia vinta ai Giochi giapponesi, quando mancano 5 giorni alla chiusura della rassegna a cinque cerchi. Superati i 28 podi di Rio 2016

L’Italia ha vinto l’oro con 35 punti, argento alla Gran Bretagna con 45 punti e bronzo alla Germania con 63 punti. La coppia azzurra domina nel Nacra 17 e, forte del primo posto ottenuto nelle 12 prove di qualifica e già sicura della medaglia, fa la gara sulla Gran Bretagna (unica contendente, quinta al traguardo) e si accontenta del sesto posto in Medal Race.

Sono loro i campioni olimpici nel catamarano misto foiling e con loro l’Italia della vela ritrova l’oro a cinque cerchi 21 anni dopo Alessandra Sensini (Mistral) e una medaglia olimpica 13 dopo le due conquistate a Pechino 2008 sempre da Sensini (argento, RS:X) e Diego Romero (bronzo, laser).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jessica Rae Springsteen nella squadra Usa che punta all’oro nell’equitazione: il peso di quel cognome e lo sfavore del pronostico

next
Articolo Successivo

Tokyo, altra medaglia sicura per l’Italia: azzurri in finale (con record del mondo) nell’inseguimento a squadre di ciclismo

next