Il piano di assunzioni su cui si basa l’intero provvedimento è quello concepito dal governo Conte 2“. Sono le parole dell’ex ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, nel corso del suo intervento alla Camera prima del voto sulla riforma promossa da Marta Cartabia e dal governo guidato da Mario Draghi. Secondo Bonafede “si vuol far l’idea che l’esecutivo Draghi, in fretta e furia e sollecitato dall’Europa, ha scritto una riforma del processo penale nuova, lontana anni luce da quello che era stato fatto nel Conte 2, e che addirittura lo cancella completamente. Niente di più falso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giustizia, dalla Camera sì alla riforma Cartabia. Bonafede rivendica il ruolo del M5s: “Alzate le barricate sull’improcedibilità, con noi in maggioranza mai restaurazione”

next
Articolo Successivo

Riforma Cartabia, Bonafede: “Reati di mafia? Per Salvini la norma non andava cambiata, fa specie che a dirlo sia stato un ex ministro dell’Interno”

next