Un bidello di 56 anni è stato arrestato con le accuse di atti sessuali con minori, corruzione di minorenni e tentata prostituzione minorile. L’uomo lavorava in una scuola media statale in un paese in provincia di Brescia. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, il 56enne adescava i ragazzini che frequentavano la scuola. Alcuni abusi avvenivano anche nella casa dove viveva con la madre anziana.

Le indagini, coordinate dal pm Alessio Bernardi, sono durate mesi. Tutto è partito dalle confessioni che una giovane studentessa ha fatto ai genitori. Poi la denuncia della famiglia, e il preside della scuola che ha segnalato le dichiarazioni alla Procura: da qui i racconti delle presunte vittime durante gli interrogatori protetti. L’uomo lavorava da anni in un istituto comprensivo formato da scuole materne, elementari e medie, e proprio a scuola, secondo la ricostruzione degli inquirenti, aveva avvicinato alcune studentesse giovanissime poco più che bambine, tutte non ancora 14enni. Alcune le avrebbe convinte a seguirlo nella propria casa, che divideva con la madre anziana e malata, dove sarebbero avvenuti una parte degli abusi.

Secondo quanto riportato dall’agenzia Ansa e riferito dal sindaco del Paese, l’uomo soffriva di problemi cognitivi: “Spiace che persone fragili psicologicamente vengano inserite nel mondo della scuola, bisognerebbe fare più attenzione”, è il commento del primo cittadino. “Se le accuse saranno confermate, dispiace per i bambini che sono ancora più fragili. Staremo vicini come amministrazione a queste famiglie, la verità deve emergere”, ha aggiunto il sindaco.

Scuola e amministrazione potrebbero decidere a breve di incontrare le famiglie dei bambini e dei ragazzini che frequentano il polo scolastico. In attesa dell’interrogatorio di garanzia nei prossimi giorni, restano in silenzio i legali del 56enne. “Da mamma rimango senza parole. Si tratta di episodi che non dovrebbero avvenire. Abbiamo fiducia nella magistratura” commenta la vicepresidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia Simona Tironi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Malpensa, nascondono 96mila euro nei fustini dei detersivi e tentano di imbarcarli: fermati due uomini diretti in Nigeria

next
Articolo Successivo

Manifestazioni ‘no green pass’, la ministra Lamorgese: “Non autorizzate. Dittatura sanitaria? La vera libertà è data dal vaccino”

next