“Lo chiamavamo sceriffo per l’atteggiamento, che non era quello di un assessore. Il primo atto che ha fatto in comune è stato il Daspo a una persona che chiedeva l’elemosina”. Così il coordinatore del partito “La buona destra” di Voghera, Giampiero Santamaria, descrive Massimo Adriatici, l’assessore leghista alla Sicurezza arrestato per aver sparato e ucciso un uomo di origine straniera, Youns El Boussetaoui, in seguito a una lite. Santamaria parla apertamente di “far west”. “La vittima? Non era certo un delinquente, non era pericoloso. Era seguito dai servizi sociali e dalla Caritas”. Versione confermata anche da un altro cittadino che conosceva il 39enne. “Era una persona problematica, non un aggressore. Era più da manicomio”. Mentre un altro abitante racconta: “Quando era ancora poliziotto Adriatici scendeva spesso giù con la pistola perché noi ragazzi ci fumavamo le canne. Era un po’ esaltato”. La dinamica dell’accaduto non è ancora chiara. Secondo le prime ricostruzioni dei Carabinieri e le dichiarazioni dello stesso Adriatici, l’assessore ha esploso un colpo di pistola accidentalmente a causa di una caduta. “Stavo passeggiando in piazza Meardi quando ho notato quell’uomo infastidire i clienti di un bar”, ha dichiarato Adriatici, ex funzionario di polizia, parlando al magistrato. “Mi sono avvicinato, l’ho redarguito invitandolo ad andarsene e a quel punto ho chiamato la polizia. Sentendo la mia telefonata, mi ha spinto facendomi cadere. È stato a quel punto che dalla pistola già impugnata è partito il colpo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino Covid, il sottosegretario Andrea Costa: “Per i guariti un’unica dose entro 12 mesi. Provvedimento arriverà in tempi brevi”

next
Articolo Successivo

Decreto Covid, anestesisti contro le Regioni: “Una follia le soglie delle terapie intensive al 15%. Bisogna fare le formiche non le cicale”

next