In Inghilterra è il Freedom Day, il primo giorno dall’inizio della pandemia in cui quasi la totalità delle restrizioni sono state revocate. A partire dalla mezzanotte del 19 luglio auditorium, stadi, discoteche e pub hanno riaperto a pieno regime: senza quindi ingressi contingentati e soprattutto senza la necessità di mantenere mascherine né distanziamento sociale. In poco tempo i locali si sono subito riempiti, come mostrano le immagini, con tanto di conto alla rovescia per l’ora X, mentre si era in coda. I contagi però, nel Paese guidato da Boris Johnson, continuano ad aumentare in maniera esponenziale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Gran Bretagna contro le vaccinazioni di massa per bambini e adolescenti: dosi offerte solo agli under 18 considerati a rischio

next