L’ex europarlamentare di Forza Italia Lara Comi e altre 62 persone sono state rinviate a giudizio nel procedimento scaturito dall’inchiesta Mensa dei poveri su un presunto “sistema” di mazzette, appalti, nomine pilotate e finanziamenti illeciti in Lombardia che aveva portato a 28 arresti nel maggio del 2019. Tra loro l’ex vicecoordinatore lombardo ‘azzurro’ ed ex consigliere comunale milanese Pietro Tatarella e il consigliere lombardo e collega di partito Fabio Altitonante.

La giudice per l’udienza preliminare Natalia Imarisio li ha mandati a processo, accogliendo la richiesta dei pm Silvia Bonardi, Luigi Furno e Adriano Scudieri. Tra coloro che dovranno affrontare il dibattimento anche il patron della Tigros Paolo Orrigoni, l’imprenditore Daniele D’Alfonso, l’ex dg di Afol metropolitana Giuseppe Zingale e il sindaco leghista di Gallarate Andrea Cassani. In tre sono stati prosciolti in quanto l’accusa di abuso di ufficio di cui rispondevano non è più prevista dalla legge come reato. Tra le parti civili i Comuni di Milano e Gallarate, Amsa, Accam spa e Afol.

Dopo l’estate il giudice si pronuncerà sui cinque imputati che hanno chiesto la messa alla prova e su altri 27 che hanno presentato istanze di riti alternativi, tra patteggiamenti e processo in abbreviato. Tra coloro che puntano a patteggiare, oltre al deputato di Forza Italia Diego Sozzani, accusato di corruzione (al momento l’istanza non è stata presentata in quanto si sta cercando di concordare la pena con la Procura) ci sono le 11 persone che si sono già visti respingere l’istanza in fase di indagini preliminari dall’allora gip Maria Vicidomini, che aveva ritenuto incongrue le pene.

Tra loro, c’è l’ex coordinatore di Forza Italia a Varese Nino Caianiello, ritenuto il presunto “burattinaio” del sistema: ha collaborato a lungo nell’inchiesta e avrebbe ricevuto il consenso dai pm per 4 anni e 10 mesi. Qualche giorno fa, infine, è stata archiviata dal gip la posizione di Lara Comi e dell’industriale bresciano titolare della Omr holding e presidente di Confindustria Lombardia, Marco Bonometti, in relazione al filone di indagine in cui era contestato un finanziamento illecito per 31mila euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Era a disposizione della cosca Alvaro”: condannato a 12 anni ex sindaco di Delianuova Rossi. Assolto l’ex consigliere Nociti

next
Articolo Successivo

“Con la riforma Cartabia meno carcere e più pene alternative? Il sistema è impreparato, si rischia una deriva criminogena”

next