Non furono mai svolti esami su alcune delle ferite trovate sul cadavere di David Rossi, l’ex responsabile della comunicazione di Banca Monte dei paschi di Siena, venne trovato morto il 6 marzo 2013 dopo una caduta da una finestra di Rocca Salimbeni, sede dell’istituto di credito. “Non abbiamo accertamenti scientifici che in qualche modo ci diano certezze, perché non sono stati fatti quando dovevano essere fatti”, ha detto il procuratore di Siena Salvatore Vitello, audito dalla commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte di Rossi. Vitello si riferisce alle ferite alle lesioni alle braccia e alle ginocchia, che non furono esaminate in sede di autopsia e pertanto, dopo la riapertura delle indagini, la seconda perizia ha “cercato di spiegarle con le evidenze che erano emerse nel corso dei sopralluoghi”.

In base alle nuove indagini, anche queste poi archiviate dal gip, il procuratore Vitello ha spiegato in buona sostanza che le ferite, che non è stato possibile datare a causa di esami non effettuati in sede di autopsia, siano però compatibili con escoriazioni che Rossi si sarebbe provocato sfregando mentre si posizionava sul davanzale esterno della finestra da cui poi sarebbe precipitato. Secondo Vitello dopo l’accoglimento dell’istanza di riapertura delle indagini, nel novembre 2015, fu dato seguito “a tutte le sollecitazioni investigative suggerite dalla famiglia”. Il procuratore ha poi negati di avere elementi per ipotizzare un’aggressione di Rossi, prima della caduta dalla finestra: “Si possono fare tante ipotesi – ha detto – ma il dato che emerge per quello che rileva sul piano probatorio è il seguente: dai sopralluoghi vi è la totale assenza di indizi violenti che si sarebbero trovati se Rossi avesse dovuto difendersi da una aggressione, se avesse ingaggiato una lotta, se fosse scappato da qualcosa, trascinato con forza, non vi è nessun dato che lo rileva”.

Vitello ha spiegato che “da accertamenti non risultano evidenze di presenze terze nella stanza di Rossi”, nel suo ufficio a Rocca Salimbeni. “Rossi – ha aggiunto – è caduto dal suo ufficio con la parte anteriore del corpo rivolta verso il muro, e questa caduta è collegata al fatto che lui con le braccia si è posizionato sulla finestra dove c’è la sbarra di ferro e si è lasciato andare, è caduto in verticale, in modo speculare alla parete”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

MORTE DEI PASCHI

di Elio Lannutti e Franco Fracassi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Morra: “Sull’audizione di Palamara in Antimafia ostruzionismo condiviso di forze lontanissime tra loro come Forza Italia e Pd”

next
Articolo Successivo

Omicidio di Chiara Gualzetti, il 16enne resta in carcere. Per il gip “era in grado di intendere. Estrema violenza”

next