Non poteva esserci partenza migliore per la Nazionale di Roberto Mancini. Gli Azzurri, nella partita di apertura di questi Europei, vincono e convincono dominando contro una Turchia che ha pensato solo a difendersi. Dopo un primo tempo bloccato, nel quale gli undici italiani hanno comunque creato occasioni, recriminando anche per un rigore non concesso, nella ripresa Jorginho e compagni hanno trafitto per tre volte i turchi. La prima rete nasce da una bella azione di Berardi che crossa forte in mezzo dove Demiral interviene e mette la palla nella sua rete. Nella ripresa Immobile e Insigne chiudono la pratica.

LA DIRETTA

90′ – È FINITA. Buona la prima per l’Italia di Mancini che conquista i primi tre punti fondamentali per il percorso europeo. Primo posto nel girone, in attesa del match tra Galles e Svizzera.

78′ – E SONO TRE. Giro palla al limite dell’area della Turchia, Immobile vede insigne che dalla sua mattonella, col destro, la mette sul secondo palo.

65′ – L’ITALIA RADDOPPIA. Gran palla di Berardi per Spinazzola che conclude. Respinge Cakir, ma arriva il tap-in vincente di Ciro Immobile.

57′ – Continua il forcing dell’Italia. La Turchia soffre e prova a colpire in contropiede con Under.

53′ – ITALIA IN VANTAGGIO: Berardi salta un uomo in area, cross forte in mezzo e Demiral spinge la palla nella propria rete. Uno a zero.

51′ – Jorginho perde una palla velenosa e scatena Under in contropiede. L’ex Roma conclude, ma Donnarumma blocca facilmente.

45′ – Inizia il secondo tempo: un cambio a testa per le due squadre. Per l’Italia, fuori Florenzi e dentro Di Lorenzo. La Turchia toglie Yazici e inserisce l’ex romanista Under.

45′ – Fine primo tempo.

44′ – L’Italia chiede un altro rigore: questa volta sul cross di Spinazzola il braccio del difensore è largo. Check del Var che, però, considera l’intervento regolare.

42′ – Palla in verticale su Immobile che si gira bene in area: destro che finisce tra le braccia di Cakir.

35′ – Prima occasione per la Turchia. Cross insidioso in area: Donnarumma respinge.

32′ – Altra buona azione dell’Italia. Insigne va sul fondo, cross in mezzo e colpo di testa di immobile: fuori di poco.

21′ – Grande parata di Cakir su colpo di testa di Chiellini. Palla deviata sopra la traversa.

20′ – L’Italia chiede un calcio di rigore: Immobile conclude da fuori area e la palla finisce sul braccio di un difensore turco che, però, è attaccato al corpo.

16′ – Prima vera occasione per l’Italia: bel triangolo tra Insigne e Berardi, il fantasista napoletano prova a chiudere sul secondo palo da dentro l’area di rigore. Palla fuori.

10′ – L’Italia ha in mano il gioco e pressa alta la Turchia che non riesce a impostare palla a terra.

2′ – Prima azione dell’Italia. Berardi lanciato sul fondo, la mette dentro per Immobile: rete esterna.

Calcio d’inizio

FORMAZIONI UFFICIALI
Italia (4-3-3): Donnarumma; Florenzi, Bonucci, Chiellini, Spinazzola; Barella, Jorginho, Locatelli; Berardi, Immobile, Insigne.
A disposizione: Sirigu, Meret, Di Lorenzo, Belotti, Pessina, Emerson, Chiesa, Acerbi, Cristante, Bernardeschi, Raspadori, Bastoni.
Allenatore: Mancini

Turchia (4-2-3-1): Cakir; Celik, Soyuncu, Demiral, Meras; Yokuslu, Tufan; Karaman, Calhanoglu, Yazici; Yilmaz.
A disposizione: Gunok, Bayindir, Under, Tokoz, Antalyali, Kabak, Unal, Kokcu, Can Kahveci, Ayhan, Muldur, Dervisoglu.
Allenatore: Gunes.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia-Turchia, il precedente – Il 1962 e quel poker al debutto di Alberto Orlando: “Quando mi convocarono non me l’aspettavo”

next
Articolo Successivo

Turchia-Italia 0-3, l’analisi: quei segnali positivi oltre gli evidenti limiti degli avversari

next