Un dialogo esilarante tra pesci e tartarughe dell’Acquario di Genova per evidenziare, ancora una volta, il pericolo del riscaldamento globale, anche per i mari. A prestare le voci per il video che invita a firmare l’iniziativa dei cittadini europei, StopGloblalWarming.eu, per spostare le tasse dal lavoro alle emissioni di CO2, che ha già ricevuto 1 milione di sottoscrizioni, Arisa, Luca Bizzarri, Marco Cappato, Giobbe Covatta, Cristina Donadio e Claudia Gerini.

Protagonista del video è la testuggine Elica, interpretata da Luca Bizzarri, proveniente dal Golfo del Tigullio e affidata all’Acquario di Genova dal Ministero dell’Ambiente dopo essere stata recuperata in mare 2 volte per essere curata in seguito a incidenti causati dall’uomo. È lei che racconta ai pesci nati in ambiente controllato che animano la vasca che riproduce l’ecosistema delle barriere coralline quello che sta accadendo negli Oceani a causa delle conseguenze del riscaldamento globale.

StopGlobalWarming.eu ha come obiettivo quello di portare la proposta di un carbon pricing (un prezzo sulle emissioni di CO2) alla Commissione Europea che dovrà poi discuterne pubblicamente all’interno delle istituzioni. Per raccogliere le firme c’è tempo fino al 22 luglio.

Il video è stato curato da Avy Candeli, direttore creativo di StopGlobalWarming.eu, insieme a Cecilia Falcone, giornalista, e Giovanni di Modica, videomaker. Sound design di Giorgio Savoia per Jinglebell. L’Acquario di Genova ha aderito alla campagna StopGlobalWarming.eu collocando nella vasche degli squali, dei pinguini e dei coralli dei messaggi dal forte impatto grafico per invitare i propri visitatori a firmare sul sito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ci stiamo mangiando gli oceani: fare un passo indietro è indispensabile

next
Articolo Successivo

Agricoltura biologica, cibo di qualità e comunità resilienti: ecco perché ho proposto i biodistretti

next