“Dopo un anno di pandemia è bellissimo tornare in piazza anche perché il ddl Zan ci impone di essere qui”. Così Gabriele Piazzoni, segretario nazionale Arcigay, durante la protesta di ieri in piazza Castello a Torino a favore del ddl Zan. “La legge è in una fase di stallo, vogliamo che venga approvata senza mediazioni al ribasso. Le mediazioni non hanno senso: non si può fare una legge contro l’omofobia con gli omofobi“. Hanno partecipato in centinaia con le bandiere arcobaleno, grande assente la Regione Piemonte. “Questa non è una battaglia politica di una parte ma per riconoscere dei diritti. Mi spiace che alcune forze politiche non siano presenti e trovo inaccettabile che partiti come la Lega la stiano boicottando” ha detto la sindaca Chiara Appendino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vulvodinia, il calvario delle donne in attesa di diagnosi: “Liquidate per ipocondria o stress, ma è patologia cronica. Ecco perché serve la legge”

next
Articolo Successivo

Le parole di Vasco mi permettono di fare una riflessione sulle carceri e sulla loro abolizione

next