“Il confine europeo continua a uccidere”. L’account Twitter di Alarm Phone, che si occupa di soccorso in mare, lancia l’allarme su un naufragio avvenuto a 67 chilometri dalla costa della Tunisia. Al momento, ha fatto sapere la Mezzaluna rossa, sono 23 i dispersi mentre i corpi di due persone sono stati recuperati in mare. L’imbarcazione, che era partita da Zuwara in Libia ed era diretta in Europa, è stata intercettata vicino alla piattaforma petrolifera Miskar. A bordo c’erano 37 eritrei, 32 sudanesi e un egiziano di età compresa tra i 15 e i 40 anni.

(immagine d’archivio)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Buckingham Palace esonerata dalle leggi contro le discriminazioni razziali. Immigrati e stranieri esclusi da qualsiasi ruolo d’ufficio”

next
Articolo Successivo

Israele, dopo 12 anni il governo è senza Netanyahu. Lapid: “Il nuovo esecutivo unirà la nostra società”

next