“La cabina viaggiava in quelle condizioni da più giorni, non dalla domenica, aveva fatto diversi viaggi così anche perché era rientrata in funzione da circa un mese”. Dopo una notte di interrogatori nella caserma dei carabinieri di Stresa, è la Procuratrice di Verbania Olimpia Bossi a svelare alcuni dettagli dell’inchiesta che ha portato al fermo di tre persone. Nell’impianto della funivia del Mottarone c’erano state alcune “anomalie” e la procuratrice ha parlato della necessità di interventi sull’impianto che “per ragioni che poi certamente andranno approfondite, questi interventi non erano stati risolutivi. Si è quindi così pensato di aggirare, eludere o comunque rimediare, sia pure magari, mi auguro, in vista di un intervento più radicale, di rimediare in questo modo che si è poi rivelato…” fatale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disastro della funivia del Mottarone, primi indagati. Dipendenti dell’azienda di gestione convocati per essere sentiti dai carabinieri

next
Articolo Successivo

Voli su aerei Polizia, chiesta l’archiviazione per Matteo Salvini: “Non ci fu abuso d’ufficio”

next