“Abbiamo concluso la risonanza magnetica: fortunatamente non ha evidenziato danni neurologici nel bambino, sia a livello celebrale sia del tronco encefalico, e questo ci autorizza domani a cominciare un cauto risveglio per vedere come possa rispondere. È stabile, domani si proverà con grande cautela tenendo conto della forte debolezza fisica e del problema psicologico, il risveglio potrebbe riportarlo nel mondo reale. È un buon segnale la risonanza”. Così Giovanni La Valle, direttore della Città della Salute di Torino, sulle condizioni di salute dell’unico sopravvissuto alla tragedia della funivia Stresa-Mottarone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Funivia Mottarone, le ipotesi sul perché il freno non si è attivato. L’azienda di manutenzione: “Ultimo controllo su quelle centraline il 3 maggio”

next