Un colpo di pistola alla testa e per un bambino di 11 anni non c’è stato nulla da fare. È tutto avvenuto a Navacchio, in provincia di Pisa intorno alle 13.30. Secondo la prima ricostruzione il ragazzino è morto dopo aver esploso lui stesso il colpo con l’arma del padre carabiniere. Secondo il comando provinciale dell’Arma – che indaga sull’accaduto – il bambino è riuscito ad impossessarsi dell’arma che era probabilmente già carica. Sentita l’esplosione i familiari hanno chiamato i soccorsi: i sanitari del 118, però, non hanno potuto far altro che costatare il decesso. Al momento, rimane da chiarire se il colpo sia partito accidentalmente o se sia stato esploso volontariamente dal bambino.

Foto di archivio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uccise un amico e confessò sui social, morto Antonio Pastore: aveva 24 anni. Era ricoverato per aver tentato suicidio

next
Articolo Successivo

Torino, ambulante ucciso a coltellate nel mercato in pieno centro. Fermato l’aggressore

next