In occasione del Global Health Summit, il vertice mondiale, co-organizzato dall’Italia durante l’anno di presidenza del G20 insieme alla Commissione Europea, durante il quale si è parlato della pandemia di Coronavirus, diverse associazioni tra cui movimenti, realtà cittadine, sindacati di base, consultori e molte altre, sono scese in piazza per chiedere ”una sanità territoriale pubblica, gratuita e universale“. “La gestione pandemica è tutt’altro che da celebrare – spiega uno dei giovani manfistanti in piazza – è stata totalmente fallimentare. Ha anteposto i profitti di poche persone a milioni di persone che hanno perso la vita e non hanno avuto un accesso gratuito alla sanità”. Al centro del corteo, partito dal parco di Villa Doria Pamphili ed arrivato al ministero della Salute, anche la richiesta della sospensione dei brevetti sui vaccini, in mano alle multinazionali del farmaco, richiesta già al vaglio dei Paesi partecipanti al summit che hanno messo in campo la possibilità di una “sospensione temporanea”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brusaferro: “In 7 regioni incidenza al di sotto dei 50 casi per 100mila abitanti, si può riprendere tracciamento e lavorare su contenimento”

next
Articolo Successivo

Vaccino anti-Covid, il report del governo: “Negli ultimi 7 giorni oltre 500mila dosi di media al giorno. Scatto nella fascia 70-79 anni”

next