Dall’assunzione dei precari ‘storici’ ai concorsi semplificati che riguardano oltre 500mila persone, alla mobilità che passa da 5 a 3 anni. Fino alle risorse, pari a 470 milioni complessivi, per affrontare il prossimo anno in sicurezza: il decreto sostegni bis contiene misure importanti per la scuola. Previsto un concorso accelerato, solo per il prossimo anno scolastico, per immettere a ruolo circa 3mila professori di materie scientifiche e tecnologiche (Stem). L’accelerazione, si legge, è in linea con gli obiettivi del Recovery Plan. Si prevede di assegnare 282 cattedre di fisica, 1005 per insegnanti di matematica, 815 di entrambe le materie e 903 di scienze e tecnologie informatiche. La giornata ha visto anche la firma, a Palazzo Chigi, del Patto per l’Istruzione, una sorta di cornice in cui si sancisce la centralità della scuola, la necessità di innalzare i livelli di istruzione e di prevedere la formazione continua e una serie di interventi organici per raggiungere gli obiettivi.

Le assunzioni degli insegnanti, ma anche le assegnazioni provvisorie, si avranno entro il prossimo 31 agosto, data entro la quale, di solito, terminavano le sole assunzioni in ruolo. Inoltre saranno assunti, nel corso dell’estate, insegnanti presenti nelle graduatorie a esaurimento e in quelle di merito dei concorsi degli scorsi anni. Insieme a loro, andranno in cattedra i vincitori del concorso straordinario per la scuola media e superiore in via di conclusione che saranno assunti anticipatamente rispetto ai 3 anni inizialmente stabiliti.

Per le ulteriori cattedre che risulteranno ancora vacanti sarà previsto, sia per i posti comuni che per il sostegno, un percorso concorsuale che prevede l’assunzione a tempo determinato di docenti abilitati e specializzati presenti nella prima fascia GPS (Graduatorie Provinciali per le Supplenze) che abbiano, oltre al titolo, anche almeno 36 mesi di servizio negli ultimi 10 anni: alla fine dell’anno di formazione dovranno sostenere una prova di fronte ad una commissione esterna alla scuola dove hanno prestato servizio. In caso di valutazione positiva, saranno assunti a tempo indeterminato. Alla prima fascia GPS potranno iscriversi anche coloro che avranno completato il loro percorso di specializzazione sul sostegno entro il 31 luglio.

Al contempo vengono accelerati i concorsi ordinari della scuola secondaria di primo e secondo grado. Si parte con le discipline scientifiche – Fisica, Matematica, matematica e fisica, scienze e tecnologie informatiche per la scuola secondaria di II grado. Il decreto traccia la rotta dei prossimi concorsi che dovranno essere su base annuale e semplificati, in modo da velocizzare gli ingressi e coprire i vuoti lasciati dai pensionamenti. I nuovi concorsi avranno prova scritta a risposta disciplinare multipla, prova orale, valutazione dei titoli e, a valle, la graduatoria. Sarà possibile, anche per i neoassunti, chiedere la mobilità non dopo 5 anni scolastici dall’immissione in ruolo, come accade oggi, ma dopo 3 anni di permanenza nella sede di servizio.

“Fin dal nostro insediamento – spiega il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi – ci siamo impegnati per trovare soluzioni rivolte all’immediato, ma con una visione in prospettiva”. Per questo, prosegue, “siamo partiti dall’analisi dell’esistente, dai numeri delle cattedre vacanti e degli insegnanti disponibili da assumere. Abbiamo ricostruito il quadro, abbiamo elaborato un Piano che consente di dare risposte al sistema scuola nel suo complesso”. Critici entrambi i sottosegretari, Rossano Sasso (Lega) e Barbara Floridia (M5S), da sempre su posizioni opposte. “Bene i finanziamenti alle scuole e agli enti locali, sacrosante le assunzioni per i vincitori dei vecchi concorsi e per talune categorie di insegnanti che aspettavano da tempo. Ma il problema del precariato storico è stato praticamente ignorato”, secondo Sasso. Mentre sul fronte opposto per Floridia “il decreto prevede una procedura di reclutamento straordinaria per i docenti precari che non possiamo condividere anche se siamo riusciti ad inserire una valutazione finale seria e meritocratica effettuata da una commissione di esame terza e obiettiva”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le lezioni all’università diventeranno come i Ted: docenti comunicatori e giovani sempre più soli

next
Articolo Successivo

Università, 1,5 miliardi in arrivo per le borse di studio. Ecco gli altri finanziamenti Ue e nazionali per bandi di ricerca e dottorati

next