di Giuliano Checchi

Sarò breve e conciso. Mi ero iscritto alla piattaforma Rousseau, perché sono un 5stelle. Se non fossi stato un 5s, non mi sarei certo iscritto alla piattaforma Rousseau. D’altra parte, il Movimento 5 Stelle è nato sette anni prima della piattaforma Rousseau.

All’indomani della spaccatura dei gruppi parlamentari sulla fiducia al governo Draghi, mi sono cancellato dalla piattaforma. Se i gruppi parlamentari non rispettavano più il responso dello strumento di democrazia partecipativa, dov’era l’utilità dello strumento? Oggi posso dire che ho fatto benissimo a cancellarmi, anche alla luce di quanto sta accadendo. Perché non avrei mai accettato che i miei dati di iscritto fossero tenuti in ostaggio.

Mi rendo conto che magari è solo un mio punto di vista, ma ho le idee molto chiare in merito. Ero su Rousseau, in quanto appartenente al M5s. La maggioranza degli appartenenti al M5s ha chiesto, tramite Rousseau, che il M5s restasse in maggioranza. Davide Casaleggio e la piattaforma Rousseau vanno a sostenere chi avrebbe fatto la scelta opposta? Le strade si dividono. E io, vado con il Movimento. E poiché ero del M5s, e resto del M5s, intendo che i miei dati di iscritto siano del Movimento 5 Stelle. O del Movimento 5 Stelle, o di nessuno.

E mi chiedo come facciano certuni a parlare di “democrazia partecipativa” e al contempo chiamare “tradimento” la partecipazione al Governo Draghi. Tradimento di cosa? Non della democrazia partecipativa! Visto che la fiducia a Draghi è stata votata su Rousseau. La democrazia partecipativa va bene solo quando si gradisce il risultato?

Il M5s al governo ha fatto e costruito cose che l’establishment ha avversato e continuerà ad avversare. Pensate che dall’opposizione avremmo potuto lottare per difenderle? Come stiamo cercando di fare con le riforme sulla giustizia? Qualcuno dice che non abbiamo fatto valere il 33% delle politiche. Cosa si aspettavano? Il pieno e totale controllo su tutto? Per avere quello non sarebbe bastato neanche il 51%. Se fossimo stati all’opposizione avrebbero azzerato in questi tre mesi tutto il lavoro di tre anni. Non capisco come mai sia così difficile da capire.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio.Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Quirinale, Salvini: “Se il presidente Draghi vuole proporsi, ha il nostro convinto sostegno”

next