Soldi, droga o regali in cambio di sesso. La storia riguarda un uomo di 38 anni di Vignola, una città nella provincia di Modena, arrestato questa mattina dalla Guardia di Finanza della città con l’accusa di spaccio di stupefacenti. L’ordinanza è stata emessa dal giudice per le indagini preliminari di Bologna, Roberta Dioguardi, su richiesta del pm Manuela Cavallo, ed è scattata dopo le denunce di alcuni genitori, insospettiti dal tenore di vita dei loro figli. Questi, non ancora maggiorenni, sfoggiavano abiti firmati e strumenti tecnologici di cui le famiglie ignoravano l’origine. Secondo le ricostruzioni, l’uomo intratteneva atti sessuali con ragazzi minorenni in cambio di denaro, droga e altri regali.

Stando a quanto compreso dalle forze dell’ordine, assieme all’uomo agivano altre due persone per le quali è stato disposto l’obbligo di dimora: un italiano e un cittadino di origini marocchine, entrambi maggiorenni. Questi rifornivano il trentottenne della cocaina e della marijuana che poi veniva smerciata e consumata tra i ragazzi. Come detto, la denuncia è partita proprio dai genitori dei minorenni, il cui sospetto è stato poi confermato dalla Finanza modenese. Facendo ulteriori ricerche sul trentottenne, sono stati individuati alcuni versamenti su diverse carte prepagate per modeste somme, ripetuti nel tempo, per importi complessivi di alcune centinaia di migliaia di euro, oltre a una serie di frequentazioni nella sua abitazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bergamo, terzo morto sul lavoro in un mese: operaio 53enne travolto da un camion in retromarcia

next
Articolo Successivo

Remuzzi a La7: “Miglior vaccino? Quello che riesci ad avere. Ritardare di 12 settimane seconda dose Pfizer dà risposta anticorpale 3,5 superiore”

next